Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Acerra, la giunta D'Errico nel caos: 63 deleghe per sette assessori

Domenica 7 Agosto 2022 di Pino Neri
Acerra, la giunta D'Errico nel caos: 63 deleghe per sette assessori

«Nessun assessore ha rifiutato l'incarico: diffusa una notizia falsa». È la smentita secca e chiara dell'ufficio stampa del sindaco di Acerra, Tito D'Errico, eletto alle comunali del 12 giugno, che non lascia spazio alle interpretazioni. Fugate dunque le voci di un presunto rifiuto degli incarichi da parte di tre assessori, a sole 24 ore dalla loro nomina firmata, annunciata dallo stesso sindaco nel primo consiglio comunale della nuova consiliatura, tenuto giovedì scorso. Ma rimane netta la sensazione che un pasticcio politico di notevoli proporzioni sia stato comunque commesso al Comune. Un pasticcio che starebbe provocando malumori nella giunta appena formata. Troppe le deleghe affidate ai sette nuovi assessori: ammontano a ben 63 e in molti casi sono simili tra loro. Alcune di queste si accavallano. E i «doppioni» avrebbero mandato sulle furie alcuni assessori. Gli scontenti sarebbero in particolare Milena Petrella e Maria De Rosa. Un malcontento che però, almeno per il momento, è soltanto un'indiscrezione. Le bocche sono cucite. Di comunicati e dichiarazioni ufficiali nemmeno l'ombra. «C'è una discussione interna ma nessuno ha rifiutato la nomina», racconta un esponente della maggioranza civica centrista che vuole conservare l'anonimato. Un pasticcio dicevamo. La delega all'urbanistica, per esempio, è stata spacchettata in otto settori. Sei sono stati affidati al vicesindaco Gennaro Iovino: edilizia residenziale pubblica, edilizia residenziale privata, sportello edilizia privata, espropri e interventi speciali, infrastrutture e attuazione del Piano Urbanistico Comunale. Tre invece sono stati messi nelle mani dell'assessore Maria De Rosa: condono edilizio, catasto e, dulcis in fundo, un terzo settore dal nome molto generico: urbanistica. Una voce che potrebbe dire tutto e niente allo stesso tempo. Stessa confusione, poi, sul fronte della delega ai tributi, le tasse comunali, frammentata in tre pezzi. Due sono andati a Iovino: programmazione e pianificazione delle politiche tributarie e accertamento delle entrate. Uno è andato all'assessore Milena Petrella. Ma a Petrella, come del resto all'assessore De Rosa, è andato praticamente un altro doppione: l'ufficio unico delle entrate per i tributi Imu, Tasi, Tari, Icp, Cosap e Dpa, cioè tutte le tasse comunali che rientrano nei compiti affidati al vicesindaco Iovino. Singolare anche l'affidamento della delega al personale. 

Quella con la dicitura generica «personale», conferita all'assessore Francesca La Montagna. Ma Milena Petrella dovrà occuparsi di quella che è stata definita la «gestione informatica del personale». Alla stessa Petrella è stata inoltre affidata la delega alla Scuola, che è stata a sua volta «vivisezionata» in istruzione e assistenza scolastica, politiche dell'istruzione e dell'educazione, pubblica istruzione, edilizia scolastica e politiche scolastiche. Altrettanto singolare è l'affidamento dei Programmi Integrati regionali per le Citta Sostenibili, i cosiddetti Pics. Sono stati dati sia a Iovino che a Petrella. Dal Comune intanto giungono repliche abbottonate. «Per il momento queste sono le deleghe - rispondono dall'ufficio comunicazione - poi se in futuro ci saranno cambiamenti non lo sappiamo». Una certezza però resta granitica ad Acerra. È il potere di Raffaele Lettieri, sindaco per dieci anni di fila, dal 2012 a qualche settimana fa. E ora è il presidente del consiglio comunale. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA