Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Di Maio, De Magistris lo attacca:
«Diventa il cemento della casta»

Mercoledì 22 Giugno 2022
Di Maio, De Magistris lo attacca: «Diventa il cemento della casta»

«Di Maio ha abiurato a 15 anni di Movimento 5 Stelle, rinnegando la rottura del sistema sempre annunciata e mai attuata. Dall'uno vale uno passa all'uno non vale l'altro. Si candida ad essere il nuovo cemento della casta in crisi, ma è un cemento che si sbriciolerà a breve da un'onda popolare che non potrà che travolgerli». Così Luigi de Magistris, fondatore e presidente del movimento politico Dema, sull'uscita del ministro degli Esteri Luigi Di Maio dal Movimento 5 Stelle.

«Di Maio - aggiunge de Magistris - abbraccia il potere della casta tradendo definitivamente chi aveva genuinamente creduto in quello tsunami politico urlato da Grillo e portato sui palchi al grido 'onestà, onestà'. Vanno nell'ammucchiata di centro che si è costituita, proni a Draghi e ai circuiti di potere nazionale ed internazionale. È una lotta di potere e poltrone, per come spartirsi i collegi elettorali alle prossime elezioni, mentre il Paese vive una delle sue crisi sociali, economiche e politiche più profonde». Secondo l'ex sindaco di Napoli «l'aria di festeggiamento ieri durante la conferenza stampa di Di Maio, ministro degli Esteri totalmente inadeguato, dimostra che questi non sanno nemmeno cosa siano le sofferenze e i bisogni del popolo. Mentre la benzina schizza, le bollette sono fuori controllo, i beni di consumo aumentano, i salari sono bloccati, la disoccupazione è galoppante, con emergenze energia e siccità drammatiche, pandemia e guerra, loro brindano alla fine del loro incubo: hanno adesso gettato definitivamente la maschera».

© RIPRODUZIONE RISERVATA