Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Si insedia la Camera di Commercio
ma resta lo scontro con la minoranza

Giovedì 15 Novembre 2018
Si insedia la Camera di Commercio ma resta lo scontro con la minoranza

Si è insediata oggi la Giunta della Camera di Commercio di Napoli che affiancherà il lavoro del neo presidente Ciro Fiola. Vicepresidente è Fabrizio Luongo (Casartigiani Napoli), Salvatore Loffreda direttore regionale campano di Coldiretti, Antonino Della Notte, imprenditore del turismo e presidente Aicast, Gianluigi de Gregorio, presidente della cooperazione Agci, Angelo Fornaro industriale del comparto aeronautico, Liliana Langella, già vice presidente della Federazione italiana tabaccai. «Partiremo in quinta - afferma Fiola - Domani è già in programma un incontro con il segretario generale». L'obiettivo, come annunciato durante il discorso di insediamento, «è rimettere al centro le aziende e recuperare il rispetto perduto dell'ente camerale». «Dobbiamo avvantaggiare le imprese - aggiunge - e provvedere a un riassetto per far funzionare al meglio tutti gli ingranaggi, a cominciare dai tempi di rilascio per le attività delle imprese e capire perché i bandi non hanno prodotto risultati e dove sono le falle. Occorre ricordare che le imprese vanno salvaguardate».

Una nota polemica viene però Acen, Claai, Cna, Confartigianato, Confcommercio/Fit, Confesercenti, Fai e Unione Industriali di Napoli. «Si è tenuta oggi - è scritto in un comunicato delle associazioni - la riunione per l’insediamento della Giunta della Camera di Commercio di Napoli. Le nostre Associazioni hanno confermato la posizione di dissenso già espressa in occasione dell'elezione e dell'insediamento del presidente e del nuovo consiglio camerale. Riteniamo che il nuovo presidente sia espressione di organizzazioni non effettivamente rappresentative del tessuto imprenditoriale metropolitano. Coerentemente, pur avendone la possibilità, abbiamo ritenuto di dover rinunciare a far parte dell’organo di governo dell’ente camerale. Ribadiamo la piena fiducia nel positivo esito del ricorso presentato dalle nostre Associazioni al Consiglio di Stato».



 

Ultimo aggiornamento: 21:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA