Regionali Campania 2020, Ciarambino sfida: «Cinque mesi di ordinanze senza potenziare la sanità»

Venerdì 31 Luglio 2020

«È da febbraio che assistiamo a un susseguirsi di ordinanze sceriffesche, che possono avere un senso nel limitare i contagi se si accompagnano a un potenziamento della sanità. Lo abbiamo chiesto dal primo momento e invece a cinque mesi dall'emergenza abbiamo ancora la metà dei posti letto di terapia intensiva che avremmo dovuto avere in tempo di emergenza». Lo ha dichiarato la candidata del Movimento 5 Stelle alla presidenza della Regione Campania Valeria Ciarambino, che così commenta le ordinanze annunciate dal governatore De Luca.
 


«Non sono state fatte assunzioni, - continua Ciarambino - se non quelle usa e getta a tempo determinato, eppure ci sono graduatorie attive e il governo ha stanziato decine di milioni di euro per arruolare operatori sanitari a tempo indeterminato. Il risultato è che gli ospedali Covid sono vuoti e sono chiusi, non è stata attivata la rete territoriale e rimaniamo ultimi in Italia per numero di tamponi». «L'emergenza Covid si affronta garantendo una risposta al bisogno di salute - conclude Ciarambino - attivando la rete territoriale, facendo un piano straordinario di assunzioni che consenta di riaprire tutti gli ospedali chiusi o depotenziati. I soldi ci sono. Basta precariato in sanità, basta ospedali chiusi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA