Voto di scambio a Torre del Greco, il posto al figlio del camorrista

di Dario Sautto

  • 7
Tra gli spazzini che facevano pressioni sui politici c'era anche il figlio di un camorrista, assunto dal consorzio Gema dopo essere stato inserito nella lista da Simone Onofrio Magliacano. È uno degli ultimi dettagli che emergono dall'inchiesta sul presunto voto di scambio a Torre del Greco, che ha già portato all'arresto del consigliere comunale Stefano Abilitato e del suo «sponsor» politico Magliacano, commercialista ed ex assessore che aspirava nuovamente a un posto in giunta. Ad aprile, in manette insieme a loro sono finiti 5 netturbini, alcuni dei quali hanno confessato di aver partecipato attivamente alla compravendita di voti in favore del duo Abilitato-Magliacano, in sostegno del sindaco Giovanni Palomba.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 22 Settembre 2019, 14:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP