Il lido diventa resort: apre sulla spiaggia di Bacoli Labelon, beach club superlusso

di Emanuela Sorrentino

3
  • 63
Una volta c'erano i lidi. Ora spazio a location dai servizi esclusivi dove partecipare e organizzare eventi tra relax e design, senza dimenticare cucina e buon bere. E così andare al mare e in piscina si trasforma in una vera e propria esperienza, da vivere da mattino a tarda sera tra fine dining e tramonti mozzafiato. Apre le sue porte venerdì in via Spiaggia Romana a Bacoli il Labelon Experience Beach Club. Un progetto ambizioso che combina lusso e gioia di vivere, dal nome particolare e per nulla scelto a caso, ma anzi che rispecchia e porta con sé cultura del territorio e storia.

La «belon», l'ostrica nativa del Mediterraneo dalla rinomata madreperla piatta diventata una leggenda gastronomica per la sua rarità, racchiude nella sua conchiglia tutto l'immaginario del bien vivre: lusso, benessere, fine cuisine&wines, design. Il prezioso mollusco - fonte creativa del naming e del logo firmati Wstaff - fu portato in Francia dai Romani generando l'attuale cultura ostricola e, sempre i Romani, sulla spiaggia di Bacoli hanno lasciato un tesoro di cultura e storia millenaria.

«Prima c'era un vecchio lido - spiega l'imprenditore Tommaso Ambrosio, uno dei due ideatori di Labelon - lo abbiamo visto ed è stato subito colpo di fulmine, abbiamo trasformato questo immenso spazio in un'area esclusiva, attraverso un concetto che mira ad offrire servizi e confort, i nostri punti di forza. Dai 1200 bagnanti che si contavano nel vecchio lido, noi ne ammetteremo solo 350 proprio perché puntiamo a far sì che tutti possano vivere pienamente la nostra struttura in completo relax e benessere facendosi catturare e affascinare da ogni singola proposta, che sia di food e di buon bere, tra arredi di design e servizi particolari, sempre attorniati dal nostro personale specializzato».

Una struttura architettonica di ispirazione razionalista, 28 mila metri quadrati di superficie, 200 metri lineari fronte mare. Concept e restyling portano la firma dell'architetto Giuseppe Falconio che ha enfatizzato l'architettura total white originaria aggiungendo una allure internazionale al progetto con pavimentazioni materiche color grigio cemento, doghe di legno Ipe per i grandi dock esterni che segnano lo spazio intorno alle piscine, palme ed altre essenze. Luci a scomparsa e un sistema di illuminazione dimmerabile. Pagode e letti king size per la spiaggia. Tra i servizi esclusivi, anche un eliporto e una banchina per chi vive il viaggio in maniera confortevole, non mancano il bar-champagneria con lounge e un'area beauty con diversi trattamenti offerti. Area parcheggio e servizio auto di cortesia da e per Napoli.

Labelon è anche wellness experience, per chi non rinuncia a tenersi in forma a disposizione palestra ma anche sauna e bagno turco. Due i ristoranti d'alta gamma per una offerta gastronomica completa, c'è il ristorante Mediterraneo à la carte con la cucina firmata da Fenesta Verde: una cucina di tradizione campana, fresca, combinazione di orto e mare al passo con le stagioni e il ristorante Oceanico con un menu à la carte firmato da Kiss Kiss Bang Bang e Métis e un'offerta di ostriche e crudi di mare dal mondo. E infine un Easy snack bar e un Tiky Bar sul pool deck aperti continuativamente con servizio in spiaggia. Il mini Labelon offre servizi per famiglie con animazione e area gioco ma la struttura diventa anche location per eventi privati e aziendali di di alto profilo. Area piscina, spiaggia e una sala al coperto di mille metri quadri con ingresso indipendente e spazi interamente personalizzabili e modulabili.
Domenica 26 Maggio 2019, 12:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2019-06-22 21:59:40
350 Bagnanti? il comune venderebbe pure l,anima invece di aprire nuove spiaggie libere e Depuratori Funzionanti A Norma ecco perché la gente ad Agosto va via dove le spiaggie sono depurate e libere
2019-05-27 12:25:34
Da quando la potente lobby dei Balneari riuscì a far passare una legge che trasformava i lidi in Aziende Turistiche, con abolizione della stagionalità e piena libertà di allargarsi sulla linea di costa , tantissimi si sono improvvisati gestori di discoteche e ristoranti aperti tutto l'anno . Fate quello che volete, ma rispettate i residenti, principalmente con le emissioni acustiche in piena notte.
2019-05-27 11:59:25
un lido extralusso.....in un mare superinquinato,ma gli imprenditori (queste menti geniali)non pensano che forse ci vorrebbero dei depurtori?fatemi capire io pago una cifra da capogiro e il bagno lo faccio in una fogna?

QUICKMAP