Covid, Campania prima per i vaccini ai migranti con il lavoro dei volontari

Domenica 26 Settembre 2021 di Ettore Mautone
Covid, Campania prima per i vaccini ai migranti con il lavoro dei volontari

La Campania è la regione d’Italia che ha vaccinato il più alto numero di cittadini migranti sia stranieri temporaneamente presenti e dunque privi di permesso di soggiorno (con la tessera Stp per accedere ai servizio sanitario del nostro Paese) sia stranieri regolarmente residenti nelle varie Asl. In particolare dai dati della Regione risultano vaccinati oltre 11mila stranieri identificati o con codice fiscale e tessera sanitaria oppure titolari di tessera Stp e, in quest’ultimo caso, in carico agli ambulatori Stp/Eni, che assicurano prestazioni sanitarie ai cittadini che non possono accedere alle strutture del Servizio sanitario nazionale in quanto clandestini. Di questi 7.820 sono stati immunizzati con il monodose Janssen (Johnson & Johnson). Quelli privi di permesso di soggiorno sono 4.402 e di questi 1.621 hanno ottenuto la seconda dose mentre 1.506 hanno avuto una sola dose Janssenn e quindi con ciclo chiuso. Altri 1.275 privi di permesso di soggiorno devono ancora fare la seconda dose. Si tratta del 61% degli stranieri considerati non regolari che in Italia hanno la certificazione vaccinale, in tutto il Paese 18.000. 

In realtà, fanno sapere dalla Regione, il numero potrebbe essere ancora più alto in quanto gli immunizzati con permesso di soggiorno regolare e quindi con Codice fiscale e Tessera sanitaria identificati con luogo di nascita all’estero in Campania sono ben 40.744 di cui 30.410 vaccinati con due dosi. Castelvolturno, in provincia di Caserta, è il Comune che ne ha vaccinati di più. Non solo, proprio la Campania è la regione che ha rilasciato il maggior numero di passaporti vaccinali (Green pass). Dati che si evincono dalle estrapolazioni e incrocio dei dati dei certificati vaccinali a cittadini residenti all’estero o con codice Stp presenti sulle piattaforme informatiche delle varie regioni d’Italia.

Video

«Il fatto che la Campania abbia vaccinato il più alto numero di stranieri residenti e di migranti senza permesso di soggiorno e che questi cittadini abbiamo avuto facile accesso al Green pass - avverte Ferdinando Russo, direttore generale della Asl di Caserta - da un lato testimonia il buon lavoro fatto per mettere in sicurezza la popolazione dal punto di vista sanitario dall’altro l’accessibilità dei servizi a tutti a prescindere da razza, cultura, stato sociale, in linea con il dettato costituzionale. In luoghi come Castelvolturno, dove vivono circa 20 mila irregolari su una popolazione straniera complessiva di 27 mila persone, alcuni volontari sono riusciti ad aiutare migliaia di persone ma altrove, in altre regioni, tutto questo rimane molto complicato per varie ragioni».

Ultimo aggiornamento: 28 Settembre, 09:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA