La nostra vita ​senza fare programmi

Venerdì 16 Ottobre 2020 di Mario Ajello

È saltata la Pasqua, ma si sapeva. Ci siamo regalati Ferragosto, e abbiamo sbagliato. Ma ora c’è Natale dietro l’angolo. O forse non c’è. E devo prenotare in montagna o ai tropici oppure come dice Crisanti staremo tutti chiusi in un tristissimo ritorno al passato in lockdown, senza neppure lo svago di un mercatino o di un assembramento sotto l’albero? Il problema è che sotto il morso di questa escalation di contagi non solo non si può...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 07:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA