Bambina scomparsa al confine Italia-Slovenia, stop ricerche: tutto inventato dai migranti per impietosire i poliziotti

Giovedì 2 Luglio 2020
Bambina scomparsa al confine Italia-Slovenia, stop ricerche: tutto inventato dai migranti per impietosire i poliziotti

Stop alle richerche della bambina di 6 anni scomparsa al confine tra Italia e Slovenia, in provincia di Trieste: dalle prime ricostruzioni degli investigatori sembra che la bimba non sia mai esistita. L'allarme è scattato stamani quando si è sparsa la voce di una bambina, di origine indiana, scomparsa nella zona di San Servolo che si sarebbe allontanata da mamma e papà nei boschi perché spaventata da un controllo della polizia slovena.

Milano, bambino di 5 anni muore soffocato mentre mangia una brioche

Gemelli uccisi dal padre, l’ultimo sms di Bressi alla moglie: «Domani avrai problemi più grossi della mensa dei bambini»


 

Stop alle ricerche

Non è mai esistita, dunque, una bambina nel gruppo dei migranti fermati questa mattina dalle Autorità slovene e dunque sono state annullate le ricerche su entrambi i versanti del confine italiano e sloveno. Lo si apprende dalla Polizia di Frontiera della Questura di Trieste, diretta da Giuseppe Colasanto, che lo ha appreso dalle Autorità slovene. Il gruppo di migranti, composto da sei persone, tutti maschi e adulti, avrebbe inventato la vicenda della piccola per impietosire i poliziotti sloveni che li avevano fermati.

Ultimo aggiornamento: 15:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA