Greta Beccaglia molestata in diretta tv. Polizia esamina i video. La giornalista: «A quante succede in silenzio?»

Domenica 28 Novembre 2021
Greta Beccaglia molestata in diretta tv. Polizia esamina i video. La giornalista: «A quante succede in silenzio?»

Greta Beccaglia, grande indignazione per le molestie di alcuni tifosi dopo Empoli-Fiorentina alla giornalista di Toscana Tv. È successo fuori dallo stadio Castellani per una diretta post-partita di una trasmissione sportiva. A poche ore dalla Giornata contro la violenza sulle donne e coi giocatori che in campo hanno mostrato un simbolo di questa campagna, alcuni sostenitori che lasciavano lo stadio si sono avvicinati alla cronista attuando verso di lei gesti sessisti. La giovane era in collegamento con lo studio per dare i commenti sull'evento sportivo. 

 

 

Greta Beccaglia, la scena in diretta

Tutta la scena è stata trasmessa in diretta. «Quello che è accaduto a me è una cosa che non è accettabile e non si deve ripetere - dice la stessa Greta - In questo caso la molestia è stata ripresa in diretta tv perché io ero lì a lavorare. Ma purtroppo, come sappiamo, tali molestie avvengono ad altre donne, a telecamere spente, cioè senza che nessuno venga a saperlo. Questo non può succedere e non deve accadere mai più, peraltro è successo dopo che si era celebrata da poco la Giornata della violenza contro le donne». Sdegno e sgomento nelle istituzioni e nel mondo sportivo. Sono intervenuti il presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati («Mi auguro che le inaccettabili molestie in diretta tv siano perseguite senza esitazioni») e quello della Camera Roberto Fico che parla di «episodio di violenza vera e propria».

Molestata dai tifosi davanti allo stadio, l'inviata si ribella: «Non ti azzardare a toccarmi di nuovo»

L'ira della politica

Per il leader M5s Giuseppe Conte le molestie «sono un gesto ignobile» e «un attacco alle libertà di tutte le donne», per quello Fdi Giorgia Meloni «i responsabili siano identificati e puniti» come chiede anche Nicola Fratoianni (Si). Esponenti di tutti i partiti, dal Pd alla Lega a Fi - e pure +Europa e Coraggio Italia - solidarizzano con la giovane giornalista, chiedono l'individuazione dei responsabili e di non sottovalutare mai tali gesti. Maria Elena Boschi (Iv) scrive: «Comportamenti simili non sono bravate ma molestie. Nessuno si può prendere la libertà di toccare una donna senza il suo consenso». L'Ordine dei Giornalisti della Toscana, col presidente Giampaolo Marchini, ha espresso solidarietà a Greta, ha criticato il conduttore in studio, peraltro un giornalista esperto, «perché invece di condannare il gesto e il molestatore, ha invitato la collega a 'non prenderselà» per le molestie mentre, sottolinea l'Ordine «verso di lei non è stata sentita nessuna parola di solidarietà da parte del conduttore». L'Odg afferma di «smetterla di minimizzare, la violenza contro le donne è un problema culturale e sociale». 

 

Solidarietà della Fiorentina

La Fiorentina con un dirigente ha contattato Greta sabato sera e, condannando il gesto, ribadisce massima disponibilità per aiutare le autorità a trovare i colpevoli. Chiede punizioni il sindaco di Empoli Brenda Barnini, mentre Empoli Fc e Genoa esprimono vicinanza a Greta. «Questo non è sport», afferma il club azzurro. 

Video

Indagini sul responsabile

Le indagini della polizia sono in pieno corso. Si cercano i responsabili con testimonianze e nelle immagini delle telecamere. Toscana Tv parla di «gesto orribile e oltraggioso. L'episodio non è l'unico di cui è stata vittima la giornalista e non possiamo accettare di stigmatizzare questi comportamenti come goliardate. Si tratta di modi di pensare maschilisti che vanno chiamati con il loro nome: molestie».

Video

Fratello e sorella morti in un incidente nel Barese: Gianluca e Debora avevano 25 e 28 anni

Ultimo aggiornamento: 29 Novembre, 09:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA