Sim clonate, azzerati decine di conti bancari: la pista porta in Campania

di Francesco Lo Dico

1
  • 2486
L’ultimo colpo è stato messo a segno ad Alassio, provincia di Savona, ai danni di un imprenditore che ha visto evaporare dalla sera alla mattina più di 20mila euro dal suo conto corrente. Ma da Catania ad Avellino, la truffa della «sim swap» impazza da pochi mesi in tutto il Sud, legata a un medesimo filo conduttore che spesso e volentieri ha condotto fino in Campania. La nuova frode, che ha già drenato più di un milione di euro dai conti correnti dei malcapitati, è particolarmente insidiosa. Perché si basa sulla clonazione della scheda telefonica della vittima, che di colpo vede la rete del proprio smartphone andare in avaria. L’utente pensa si tratti di un guasto temporaneo ma in quel lasso di tempo i pirati informatici prendono il controllo della scheda telefonica, e infine del conto corrente, che viene rapidamente svuotato. 
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 21 Ottobre 2018, 23:00 - Ultimo aggiornamento: 22 Ottobre, 14:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-10-22 10:04:44
Questo è successo perchè usano lo smartphone per effettuare transazioni bancarie e quindi ci sono i dati sul telefono?

QUICKMAP