Ultrà interista ucciso, per il tifoso del Napoli ​confermata l'accusa di omicidio volontario

Venerdì 10 Gennaio 2020

Il Tribunale del Riesame di Milano ha confermato l'accusa di omicidio volontario per Fabio Manduca, l'ultrà napoletano di 39 anni arrestato il 18 ottobre scorso per aver travolto e ucciso col suo suv Daniele Belardinelli all'inizio degli scontri del 26 dicembre 2018 in via Novara, a Milano, prima di Inter- Napoli. Nessuna riqualificazione, dunque, nel reato meno grave di omicidio stradale, come emerge dalle motivazioni del provvedimento con cui i giudici hanno confermato a novembre la misura cautelare (il 39enne era passato dal carcere ai domiciliari).

LEGGI ANCHE Tifoso travolto e ucciso a Milano, l'ultrà napoletano dal carcere ai domiciliari

Manduca, 39 anni e una sfilza di precedenti penali e che non ha mai ammesso l'investimento, alla guida di una Renault Kadjar con altri 4 a bordo, ha accelerato verso il gruppo di ultrà interisti, che stavano assaltando la 'carovanà di macchine dei tifosi rivali in via Novara, prima di Inter- Napoli, ed era «consapevole», ha scritto il gip di Milano Guido Salvini nell'ordinanza, che avrebbe potuto uccidere Belardinelli, ultrà dei 'Blood and Honour' di Varese, gemellati coi nerazzurri.
 


LEGGI ANCHE «L'inchiesta finirà a pane e puparuoli», ecco l'intercettazione che ha tradito l'ultrà del Napoli che ha ucciso Belardinelli

Per questo, nelle indagini del procuratore aggiunto Letizia Mannella e dei pm Rosaria Stagnaro e Michela Bordieri, è stato contestato l'omicidio volontario nella forma del «dolo eventuale», ossia con l'accettazione del rischio dell'evento, reato riconosciuto nella misura cautelare del gip e ora anche dal Riesame che ha confermato l'accusa.

Ultimo aggiornamento: 16:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA