Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraini giustiziati dai russi a Bucha: il nuovo video che svela i crimini di guerra

Venerdì 20 Maggio 2022
Strage di Bucha: il nuovo video che mostra i civili ucraini giustiziati dai russi

Da Bucha arrivano nuove prove delle atrocità commesse dai russi. Mentre a Kiev il primo soldato russo a processo potrebbe essere condannato all'ergastolo, dopo aver ammesso le accuse per crimini di guerra, le autorità internazionali continuano a raccogliere testimonianze che saranno usate in quello che potrebbe diventare il più grande processo dai tempi di Norimberga. Un video recuperato da una telecamera di sorveglianza e diffuso dal "New York Times", mostra come i soldati di Putin abbiano giustiziato almeno 8 civili disarmati nel sobborgo della capitale, diventato simbolo della guerra. 

 

Soldati russi nascondono una granata in un pianoforte a Bucha: lo usava una bambina di 10 anni

Ucraina, prete francese raccoglie prove su stupri e uccisioni sommarie per portare i soldati russi davanti al tribunale dell'Aja

 

Cosa è successo

 

Nelle immagini si vedono le forze paracadutiste russe che catturano un gruppo di uomini ucraini che vengono condotti in fila verso un cortile dove poco dopo verranno giustiziati: gli uomini, se ne contano 9, camminano ricurvi, con un braccio sulla testa e l'altro a tenere la cintura del compagno davanti. I video, spiega il quotidiano, sono stati girati da una telecamera di sicurezza e da un testimone in una casa vicina.

 

 

 

Il video in cui si vedono gli uomini catturati termina senza l'esecuzione, ma quello che è accaduto successivamente viene raccontato da alcuni testimoni, spiega il Nyt: i soldati hanno portato gli uomini dietro un vicino edificio che era stato occupato dai russi e lì ci sono stati degli spari: gli uomini catturati non sono tornati indietro. Un video filmato da un drone il 5 marzo «fornisce la prima prova visiva che conferma il racconto dei testimoni: mostra i corpi morti a terra sul lato dello stesso edificio - spiega il quotidiano -, mentre due soldati russi sono lì vicino di guardia».

 

Gli Usa: Zelensky: «Iniziata la fase più sanguinosa della guerra». I generali di Putin e di Biden tornano a parlarsi

 

La versione russa

Mosca ritiene che sia necessaria un'indagine indipendente e imparziale per chiarire la situazione sulla tragedia di Bucha. Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha parlato delle accuse di crimini di guerra, mosse dai governi occidantali. «La cosa più spaventosa che abbiamo visto durante questa terribile guerra dell'informazione è un'inondazione di bugie, falsi, palcoscenici così terribili che la coscienza umana non può nemmeno immaginare. Mi riferisco, ad esempio, a questa brillante e sanguinosa messa in scena a Bucha, non lontano da Kiev», ha aggiunto. «Kiev difficilmente avrebbe potuto realizzare da sola una messa in scena così brillante e sanguinosa a Bucha, ha un esercito di società di pubbliche relazioni che lavorano per lei».

 

 

La visita del mons. Gallagher a Bucha

Il segretario vaticano per i Rapporti con gli Stati, mons. Paul Richard Gallagher, in visita in Ucraina, oggi è stato a Bucha e ha pregato davanti al luogo dove era la fossa comune nei pressi della chiesa ortodossa di Sant'Andrea e da dove i corpi sono stati esumati dopo la ritirata dei russi. Il ministro degli Esteri vaticano ha anche visitato il seminario di Vorzel che era stato occupato e devastato dalle truppe russe. Oggi è previsto l'incontro e a seguire la conferenza stampa congiunta con il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba. Lo riferisce il direttore della sala stampa vaticana Matteo Bruni.

«A nome di Papa Francesco, plaudo a tutto ciò che state facendo per i profughi e prego affinché presto regni la pace in Ucraina sulla guerra». Questo il messaggio dell'arcivescovo Paul Richard Gallagher, ministro degli esteri vaticano, scritto sul Libro d'Onore nella Cattedrale della Resurrezione di Kiev.

 

 

Ultimo aggiornamento: 21 Maggio, 09:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA