Erdogan: «L'Onu è finita dopo quello che è successo a Gaza: silenzio sul bullismo di Israele»

Di fronte a quello che è successo a Gaza, «le Nazioni Unite sono finite, sono crollate. In questo momento, non riesco neppure a parlare con il segretario generale dell'Onu, nonostante abbiamo una buona amicizia. Se continuerà a esserci silenzio sul bullismo di Israele, il mondo sarà trascinato nel caos». Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, parlando ieri sera ad Ankara a un 'iftar', il pasto che dopo il tramonto rompe il digiuno durante il mese sacro islamico del Ramadan. 

«Non permetteremo che Gerusalemme sia usurpata da Israele. Sosterremo la lotta dei nostri fratelli fino al giorno in cui le terre palestinesi - che sono state a lungo occupate - avranno pace e sicurezza dentro i confini di un libero Stato palestinese», ha aggiunto Erdogan, che come presidente di turno ha convocato per domani a Istanbul un vertice straordinario dei 57 Paesi dell'Organizzazione della cooperazione islamica (Oic), seguito da una grande manifestazione di piazza.
Giovedì 17 Maggio 2018, 16:53 - Ultimo aggiornamento: 18-05-2018 00:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP