Il Big Ben ha detto stop, tre anni di restyling
per l'orologio più famoso del mondo

Domenica 18 Dicembre 2016 di Luisa Mosello
Il Big Ben chiude per lavori di restauro Foto credit Britain On View

Londra senza il Big Ben? Sarebbe impossibile. Come Roma senza il Colosseo o New York senza la Statua della libertà. E invece per tre anni sarà così. Non è che il celeberrimo orologio londinese, fotografatissimo da tutti i turisti in visita nella capitale britannica, sparirà. Nient'affatto. Accade solo che simbolo inglese per eccellenza si prende una pausa più che dovuta dopo ben 157 anni di onorato e soprattutto preciso servizio. La chiusura, avvenuta venerdi 16 dicembre, prelude a mesi e mesi di lavori che inizieranno a gennaio per proseguire fino al 2020. Ma anche con in cantieri in piedi le lancette dovrebbero riprendere a scandire ore e minuti già fra  sei mesi, e sicuramente in occasione di eventi speciali. E così i sudditi di Sua Maestà insieme ai visitatori della città british potranno ricominciare a udire i rintocchi tanto familiari alle loro orecchie.
 

 


La decisione di proceder con il resyling è stata presa dal Parlamento per ripristinare l'efficienza del Big Ben e restaurare l'Elizabeth Tower che lo ospita. Spesa prevista: 29 milioni di sterline (circa 37 milioni di euro).
Mai prima d'ora c'era stato uno stop così lungo. Fra le pause si ricorda quella nel 2007, che peró era durata solo sei settimane per la manutenzione. Un po' prolungata (9 mesi) nel 1976, per mettere mani al meccanismo dell'orologio gravemente danneggiato. 
Ad essere ripristinato ora sará l'aspetto originale dei quadranti con i colori verde e oro d'età Vittoriana che erano stati sostituiti dal nero e oro. 

Un po' di storia. L'origine risale a metà Ottocento. Quando si pensó di costruire una Clock Tower all'estremità dei nuovo edifici del Palazzo di Westminster, che nel 1834 era stato in gran parte distrutto da un incendio. L'orologio doveva essere assolutamente preciso, cosa non garantita dagli ingranaggi meccanici. Cosi Edmund Beckett Denison prese letteralmente all'istante la sfida e nel 1851 e disegnó il protitipo di orologio a pendolo completato 3 anni dopo. Opera sua anche la campana realizzata due volte (la prima si era incrunara) , chiamata Great Bell che suonó per la prima volta il 31 maggio 1859. Era questo il primo nome del Big Ben che poi prese questo appellativo. Le teorie a riguardo sono due: da un lato si pensa che l'origine sia legata a Sir Benjamin Hall, che commissionó per primo i lavori, e essendo corpulento grande e grosso, veniva chiamato Big Ben. La seconda ipotesi chiama invece in causa il campione di pesi massimi Benjamin Count, noto come Big Ben. Pesante appunto come la campana dei famosi rintocchi.

Ultimo aggiornamento: 19 Dicembre, 08:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA