Migranti, Ocean Viking tra Lampedusa e Malta: a bordo 356 persone tra cui 103 bambini

Migranti, Ocean Viking tra Lampedusa e Malta: a bordo 356 persone tra cui 103 bambini
ARTICOLI CORRELATI
Mentre l’Open Arms è in attesa a poca distanza dal porto di Lampedusa, un’altra Ong si trova in prossimità delle acque territoriali italiane. Si tratta dell’Ocean Viking, la nave di Sos Mediterranee e Medici senza frontiere, che in questo momento è tra Malta e Lampedusa con a bordo 356 migranti soccorsi a poche miglia dalla Libia. Tra loro anche 103 bambini, solo 11 dei quali accompagnati da un genitore o parente. «Questi bambini, molti dei quali sono fuggiti da violenze, conflitti e atrocità impensabili hanno diritto di essere salvati e protetti», ha detto Afshan Khan, direttore Regionale Unicef per l’Europa e l’Asia Centrale.

LEGGI ANCHE Migranti sulla Opena Arms, Achille Lauro: «Lasciare morire così le persone è vergognoso»
 

A differenza della Open Arms, che dopo una lunga odissea è riuscita ad entrare in acque territoriali italiane a seguito della decisione del Tar di sospendere il divieto di ingresso imposto dal governo italiano, per la Ocean Viking tutto rimane fermo e la nave staziona ancora in acque internazionali.



Sulla situazione della Open Arms è intervenuta anche Emergency «Negli ultimi giorni la situazione si è ulteriormente aggravata con atti di autolesionismo e minacce di suicidio che rendono ingestibile la situazione e mettono in pericolo imminente di vita le persone a bordo. Bisogna agire nelle prossime ore. Chiediamo che sia immediatamente autorizzato lo sbarco a Lampedusa prima che si aggiungano altre tragedie a quelle già vissute». È l'appello congiunto di Oscar Camps fondatore di Open Arms e Gino Strada fondatore di Emergency.

«Da 15 giorni la nave Open Arms è in mare con 134 persone a bordo - ricordano Camps e Strada - La situazione sulla nave è drammatica: da 15 giorni donne, uomini e bambini vivono costretti in spazi ristretti nella paura e nell'incertezza di quello che succederà. Sono persone che hanno vissuto l'orrore dei campi di detenzione in Libia: torture, stupri, lavori forzati. Hanno già sopportato enormi sofferenze, non possiamo aggiungerne altre».Anche in questo caso «la Commissione europea è pronta a sostenere operativamente e finanziariamente» le soluzioni che i Governi vorranno mettere in campo, ha ribadito la portavoce della Commissione: «Nel frattempo - ha aggiunto - invitiamo gli Stati membri a facilitare e a compiere progressi su soluzioni temporanee» per quanto riguarda la Open Arms e le altre imbarcazioni ancora in mare con a bordo migranti, come la Ocean Viking».
 
Venerdì 16 Agosto 2019, 16:52 - Ultimo aggiornamento: 16-08-2019 18:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP