Trump, comizio al chiuso, zero distanze e poche mascherine: 3000$ di multa, ma la sua America è con lui

Martedì 15 Settembre 2020 di Luca Marfé

Tremila dollari di multa alla società che ha ospitato l’evento.

Henderson, Nevada: Donald Trump, un (altro) comizio al chiuso, zero distanze sociali, poche mascherine e la consueta furia politica dei suoi sostenitori. Convinti al punto da risultare ottusi.

L’importo dell’ammenda non fa di certo spavento, ma è simbolico della breccia tra le regole e chi alle regole è invece allergico.

La legge dello Stato vieta infatti gli assembramenti oltre la soglia delle 50 persone.
Ce n’erano circa 6mila.

Automatiche, dunque, violazione e multa.

Ma poco importa, anzi. Quasi rinvigoriscono la carica di un popolo che resta solida metà (e forse più) e che, soprattutto, non molla il suo presidente.

Per quanto possa scandalizzare medici, scienziati e virologi, l’America di Trump non ci sta. E strilla pure a gran voce.

«Questa non è una dittatura, questa è una democrazia», afferma con tono fiero una donna ai microfoni di Cnn. Che aggiunge: «Abbiamo il diritto di essere chi siamo e di assumerci i rischi che ci pare. Domani potrei attraversare la strada ed essere investita da un autobus: e allora? Perché mai dovrei indossare una mascherina che, io lo so, non ho nessun dubbio: non serve a niente».

LEGGI ANCHE Elezioni Usa, dal miliardario Bloomberg 100 milioni di dollari per sostenere la campagna di Biden


Una testimonianza scioccante?
Un caso isolato?
Nient’affatto, le fanno eco praticamente tutti.

«C’è in gioco la mia libertà di americano, mi assumo io la responsabilità di beccarmi il Covid e oggi voglio pensare soltanto a divertirmi», dice un giovane bardato di una bandiera che invita a scegliere il tycoon.


È un film già visto.
Quello della libertà, che gli americani percepiscono come assolutamente intoccabile, contro la prudenza e contro un virus che oramai sfiora i 200mila morti (194mila stando alle ultime rilevazioni ufficiali, ndr).

Un film già andato in scena a giugno, a Tulsa in Oklahoma, e destinato da qui al termine della corsa elettorale ad andare in scena ancora.

Si può storcere il naso e persino inorridire.
Ma la democrazia è anche questo
e queste persone difficilmente cambieranno idea.
Non c’è multa né richiamo che tenga: come l’8 novembre 2016, il 3 novembre 2020 voteranno Trump.

Ultimo aggiornamento: 19:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA