Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rai, bufera al Tgr: il condirettore Fontana pubblica post su Calenda (poi lo cancella e si scusa)

Mercoledì 10 Agosto 2022
Rai, bufera al Tgr: il condirettore Fontana pubblica post su Calenda (poi lo cancella e si scusa)

Ennesima bufera in Rai. Dopo la pubblicazione di un post su Facebook del condirettore del Tgr Carlo Fontana, relativo a una scelta politica dell'onorevole Carlo Calenda, il direttore del Tgr Alessandro Casarin ha subito chiamato Fontana che nel frattempo aveva già provveduto a cancellare il testo. Lo comunica una nota Rai.

Lucia Annunziata: «Brunetta basso? Almeno ha gli occhi azzurri, come le razze superiori». Bufera social

Il post cancellato

Nel post su Facebook che commentava lo strappo col Pd, Fontana ha scritto: «Indovinello: come si chiamava il famoso regista nonno di Carlo Calenda? Luigi Comencini. Che sceneggiato diresse per la tv? Le avventure di Pinocchio. Ecco: tutto torna». Un’uscita a cui ha risposto lo stesso Calenda che, su Twitter, ha provato a chiudere la questione: «Una cortesia, so che questo posto è diventato un immondezzaio, so che ci sono persone legittimamente arrabbiate per la scelta fatta. Lasciate stare i nonni, eccetera. Ognuno è responsabile per se stesso. Buon divertimento»

Le scuse

Nel colloquio con Casarin, e successivamente in una lettera all'Azienda, Carlo Fontana si è «scusato per l'accaduto» e per il disagio creato «che non si ripeterà più». Il direttore Casarin ha preso atto delle parole di Fontana, inviandogli un «monito» a mantenere per il futuro un «comportamento di equilibrio e sobrietà». Nell'occasione ha ricordato a tutti i giornalisti il rispetto delle regole aziendali nell'uso dei social e di prestare la massima attenzione in ogni giorno dell'anno, campagna elettorale compresa. 

Ultimo aggiornamento: 11 Agosto, 00:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA