Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Giuseppe Conte bocciato dal tribunale di Napoli, l'accusa dei fedelissimi: «C'è lo zampino di Di Maio»

Martedì 8 Febbraio 2022 di Valentina Petrucci
Giuseppe Conte bocciato dal tribunale di Napoli, l'accusa dei fedelissimi: «C'è lo zampino di Di Maio»

È l'anno zero nel Movimento 5 Stelle e Giuseppe Conte e la sua leadership sono caduti in un buco nero per mano di un gruppo di attivisti. La notizia è accolta con sgomento e smarrimento da parte di buona parte del gruppo: «È quello che ci voleva per mettere fine al dualismo Conte-Di Maio», commenta un deputato di primo piano. Beppe Grillo tace in queste ore, ma deputati e senatori chiedono il suo intervento e restano inascoltati: «Non abbiamo più una guida oggi, ma non l'avevamo neanche prima di oggi», si sfoga un senatore ostile al nuovo corso del leader. E le chat di telegram dei grillini intanto esplodono: si fa ironia principalmente su Vito Crimi, il reggente tornato alla ribalta della scena. Qualcuno posta un meme, altri lo prendono in giro, in tanti rilanciano il post - comunicato di Beppe Grillo del 30 giugno 2021, in cui il comico ribadiva a Crimi le modalità di svolgimento delle operazioni di voto per il nuovo statuto: «Aveva ragione Grillo, è stato profetico», commentano i partecipanti. Ostaggi di mille mal di pancia, nel Movimento 5 Stelle le correnti interne si scontrano a viso aperto. 

Gli uomini di Giuseppe Conte, i suoi vice presidenti, sarebbero convinti che dietro questa vicenda ci possa essere la firma dell'antagonista: il ministro Di Maio. È in queste ore che le recenti dimissioni del ministro degli esteri dal suo ruolo nel comitato di garanzia stanno assumendo un significato diverso per i contiani: «C'è Luigi dietro tutto questo - mormorano con un passaparola nei corridoi degli uffici di Via del Vicario a Roma - le sue sono state dimissioni ad orologeria». La lettura per loro sarebbe l'ennesimo attacco ad una leadership indigesta a una parte del gruppo parlamentare, tanto che circola l'ipotesi che si tratti di un vero e proprio attacco organizzato. Reazione immediata è stata stringersi attorno al leader Giuseppe Conte e sostenerlo, strategia che intendono portare avanti per il tempo necessario fino alla nuova votazione che - sono certi - convaliderà nuovamente l'organigramma proposto da Conte. Aleggia tuttavia il timore che questa vicenda possa alimentare i mal di pancia e che allontani dall'ex premier altri eletti, svuotando così il suo consenso interno, già messo a dura prova. C'è poi un'ulteriore questione da affrontare per l'entourage di Conte: questa sarà l'ennesimo scossone da spiegare agli elettori e ai cittadini, una grana di non poco conto per affrontare la quale la macchina comunicativa dal movimento è già all'opera con un piano che in queste ore è in fase di definizione: «La linea sarà andare in tv, parlare nei talk e sui giornali, in modo da dimostrare che non si tratta di una difficoltà seria», spiega una fonte interna all'organico. Eppure, tra i contiani in tanti esclamano: «Questa non ci voleva, darà più forza a Di Maio».

Video

Per i fedelissimi del ministro, la vicenda della sospensione segna una svolta. «Siamo felici», commenta qualcuno tra le fila dei dimaiani, tirando un sospiro di sollievo. L'interpretazione è quella di una seconda chance per mettere alla porta Giuseppe Conte e con lui tutta la sua segreteria, della quale gli uomini del ministro chiedevano già prima le dimissioni. «È la certificazione di un fallimento, quello di Conte e del suo progetto», avvisa un altro senatore simpatizzante per la corrente antagonista ai contiani. E se nelle ultime ore si cercava una mediazione con i contiani ed una resa dei conti pubblica in assemblea, oggi quella strada è completamente abbandonata. I deputati e senatori che ancora riconoscono la leadership di Luigi Di Maio sarebbero intenzionati, d'ora in poi, a persuadere il gruppo in modo che non sia confermata la leadership di Giuseppe Conte e stravolgere completamente il suo organigramma. Intanto il ministro resta in silenzio, in attesa dell'evoluzione delle cose. 

Una doccia fredda questa vicenda anche per la corrente interna che fa capo al presidente della camera Roberto Fico. Lui, in effetti, si era esposto in prima persona nel ruolo di mediatore e aveva trovato il sostegno dei suoi: un gruppo di eletti alla Camera e in Senato che nutrono ancora la speranza di una pacifica risoluzione degli attriti tra i due leader, Conte e Di Maio, e auspicano la convivenza pacifica delle due anime del movimento. Negli intenti c'è quello di lavorare internamente per appianare le divergenze e lasciare che in assemblea sia il popolo 5Stelle democraticamente ad esprimersi. 

È la corrente del Movimento che resta in attesa dell'evoluzione dei fatti: un gruppo corposo di deputati e senatori che non si è schierato nella contesa tra Di Maio e l'ex premier e seguiterà anche adesso che tutto è da rifare. L'intento principale sarebbe seguire la leadership in grado di garantire la ricandidatura (Io sto dalla parte di chi mi ricandida, spiega un deputato al secondo mandato). C'è anche chi, però, ha un ruolo istituzionale e resta in silenzio ma lavora in sordina in favore di uno o dell'altro. 

Quanto accaduto rimette tutto in discussione per Alessandro Di Battista, ma c'è già chi scommette all'interno del Movimento: «Dibba invocherà una più ampia condivisione democratica del nuovo assetto, ma non abbandonerà Conte. D'altra parte, lui con Di Maio, neanche ci parla più». 

Ultimo aggiornamento: 16:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA