Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

GIUSEPPE CONTE

Grillo, messaggio a Conte e Di Maio: «Non dissolvete il dono del padre». L'ex premier mette like. E nel M5s è gia "rissa" su interpretazione del post

Il post sul blog del fondatore del Movimento. Ed è scontro sull'interpretazione

Mercoledì 2 Febbraio 2022
Grillo, messaggio a Conte e Di Maio: «Non dissolvete il dono del padre»

Tra Conte e Di Maio, ecco Grillo. Il fondatore del M5s interviene nello scontro che vede contrapposti l'ex premier e il ministro degli Esteri, richiamandoli (specialmente il secondo), con un post sul suo blog, affinché non disperdano il patrimonio ereditato dai padri, ossia lui. Questo l'appello all'unità, al quale poco dopo è arrivato il "like" dell'ex premier: «Una volta un padre venerabile (Bapu Mahatma Ghandi) disse ai suoi “sii tu il cambiamento che vuoi vedere nel mondo”. Così egli (l’Elevato) non volle essere un padre padrone, ma un padre che dà ai figli il dono più grande. Sicché rinunciò a sé per consentire il passaggio dall’impossibile al necessario. Non dissolvete il dono del padre nella vanità personale (figli miei). Il necessario è saper rinunciare a sè per il bene di tutti, che è anche poter parlare con la forza di una sola voce. Ma se non accettate ruoli e regole restano solo voci di vanità che si (e ci) dissolvono nel nulla». 

 

«Il post di Grillo non è criptico, la "sola voce" che richiama è quella del capo politico, Giuseppe Conte», puntualizzano fonti dello staff di Beppe Grillo, dopo il post metaforico apparso sui canali social del garante nelle ore calde dello scontro tra Conte e Di Maio. 

 

 

 

Video

 

Lo scontro sull'interpretazione

È scontro nel M5s anche sulla interpretazione del post di Beppe Grillo che nei panni dell'Elevato richiama la dirigenza del Movimento ad accettare «ruoli e regole» e a parlare con «una sola voce». Se i «dimaiani» leggono le parole di Grillo come l'offerta di proporsi come mediatore, un pò come fece Di Maio quando Grillo e Conte erano ai ferri corti, al contrario i «contiani» asseriscono che la lettura corretta del post sia quella di accettare che la «sola voce» del Movimento sia quella del suo leader e quindi di Giuseppe Conte. Anche lui sicuro di questa seconda lettura, tant'è che Conte ha messo un suo «like» al post di Grillo.

Ultimo aggiornamento: 14:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA