Salvini a Sanremo con la Isoardi evita la prima fila: starà in mezzo alla sala «vicino alla gente»

Salvini e Isoardi (lapresse)
di Mario Ajello

Non in prima fila, quella riservata in passato ai politici che si tuffavano nel festival di Sanremo per specchiarsi nel nazional-popolare. Matteo Salvini, al teatro Ariston, andrà dopodomani sera e prenderà posto in mezzo alla sala, tra il pubblico normale insieme alla fidanzata Elisa Isoardi, volto televisivo, e l'operazione è chiara: mostrarsi, esserci, fare l'italiano tra gli italiani, sdoganare nel tempio del tradizionalismo e della normalità il suo messaggio - incarnato dalla sua persona al netto di comizi che farà - duro e muscoloso nei confronti dell'immigrazione. Gli si avvicineranno in tanti per dirgli ciò che lui vorrà sentirsi dire e ciò che loro pensano: «Matteo, sugli immigrati hai ragione tu». E così, con Salvini all'Ariston, la campagna elettorale trova il modo di infilarsi anche in una zona che andrebbe tenuta libera dalla contesa politica.
Mercoledì 7 Febbraio 2018, 12:36 - Ultimo aggiornamento: 07-02-2018 15:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP