GIORGIA MELONI

Stato di emergenza, Salvini e Meloni contro la proroga di Draghi: «Una scelta folle»

Mercoledì 16 Giugno 2021
Stato di emergenza, Salvini e Meloni contro la proroga di Draghi

Il governo sta  pensando di prorogare lo stato di emergenza. In questo momento lo stato di emergenza è in vigore fino al 31 luglio ma il premier Mario Draghi vuole essere prudente e sarebbe orientato appunto a prorogare l'emergenza fino a dicembre. «Verrà prolungato perché l'emergenza sanitaria a luglio non sarà finita, come è evidente. E perché non sarà conclusa neppure la fase più intensa della campagna vaccinale. In più, ci sarà da affrontare la situazione che seguirà alle vacanze estive e garantire una ripartenza ordinata e sicura a settembre-ottobre. Insomma, abbiamo davanti mesi complicati, senza contare che c'è il rischio della varianti...», hanno spiegato fonti del governo al Messaggero.

Stato di emergenza verso la proroga, Palazzo Chigi e l’ipotesi dei pieni poteri fino a dicembre

L'idea di prorogare lo stato di emergenza non piace al centrodestra. Matteo Salvini e Giorgia Meloni hanno già espresso la loro contrarietà.

Stato di emergenza, cosa significa la proroga: dai vaccini allo smart working, ecco le misure

«Siamo al 95% di copertura vaccinale per gli over 80, i fragili sono tutti al riparo, dai 60 anni in su sono rimasti 3milioni di italiani scoperti. Io sono per la libera scelta». Sui ragazzi «occorrono cautele prima di somministrazioni di massa, e open day». Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini al forum ANSA. Sulla proroga dello stato di emergenza «non abbiamo ancora parlato con Draghi, ma a mio avviso non ci sono i presupposti per trascinare lo stato di emergenza. Credo sarebbe un bel messaggio, come dire il peggio è passato».

«Apprendiamo dalla stampa che il Governo Draghi starebbe pensando a una proroga dello stato di emergenza al 31 dicembre 2021. Un'ipotesi che, se confermata, sarebbe folle e che come Fratelli d'Italia ci vede nettamente contrari. Ad un anno e mezzo dallo scoppio dell'epidemia non è più accettabile che le più elementari norme della democrazia e i principi dello Stato di diritto come la libertà di movimento e d'impresa possano essere calpestati o violati dal Governo nel nome dell' emergenza. Il 2021 deve essere l'anno del ritorno alla normalità: il nostro ordinamento è in grado di gestire la pandemia con i poteri e gli strumenti ordinari di cui già dispone, nel rispetto della Costituzione e delle prerogative del Parlamento». Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni. 

Vaccini, Figliuolo: il piano resta sostenibile, 80% della popolazione vaccinata entro fine settembre

Ultimo aggiornamento: 12:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA