Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rapporto Invalsi 2022: la dispersione scolastica è sempre più in aumento

Mercoledì 6 Luglio 2022
Rapporto Invalsi 2022: la dispersione scolastica è sempre più in aumento

Aumenta la dispersione implicita. Se nel 2019 la dispersione scolastica implicita si attestava al 7,5%, per salire al 9,8% nel 2021, nel 2022 si ferma al 9,7%. Lo rileva il rapporto Invalsi 2022 presentato oggi all'università 'La Sapienza' di Roma. Anche se il rapporto fotografa andamenti che hanno radici negli ultimi 20 anni, si leggono, allo stesso tempo i dati che mettono in luce anche gli effetti della pandemia sugli studenti.

Tra questi, la dispersione scolastica implicita: i giovani che terminano il percorso di studi senza avere però le competenze di base necessarie. Si tratta di studenti a rischio, che potrebbero avere «limitate prospettive di inserimento nella società molto simili a quelle degli studenti che non hanno concluso la scuola secondaria di secondo grado», sottolinea l'Invalsi. In termini comparativi, il calo maggiore della dispersione scolastica implicita si registra in Puglia (-4,3 punti percentuali) e in Calabria (-3,8 punti percentuali). Tuttavia, le differenze assolute a livello territoriale rimangano molto elevate: Campania (19,8%), Sardegna (18,7%), Calabria (18,0%), Sicilia (16,0%), Basilicata (12,8%), Puglia (12,2%), Abruzzo (10,8%), Lazio (10,7%).

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA