Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Papa Francesco e l'elogio della suocera: «Sono figure positive se tengono a bada la lingua»

Mercoledì 27 Aprile 2022
Papa Francesco e l'elogio della suocera: «Sono figure positive se tengono a bada la lingua»

Elogio della suocera: la madre dello sposo (o della sposa) è una figura spesso negativa e ingabbiata nei clichè, quasi sinonimo di persona pettegola, invadente, bisbetica. Stamattina all'udienza in Vaticano Papa Francesco ha voluto ribaltare i luoghi comuni e fare capire che l'armonia familiare passa anche dal rapporto con le suocere. 

Il dolore alla gamba che continua a perseguitare il pontefice («Vi chiedo scusa - ha detto Bergoglio ai fedeli – ma questo ginocchio non finisce di guarire. Non posso essere in piedi tanto tempo«) non gli ha impedito di essere di buon umore e di dimostrarsi assai empatico con la folla presente.

Papa Francesco si ferma per il dolore al ginocchio: non celebra la messa della Divina Misericordia

 «Oggi la suocera è personaggio mitico, non dico che la pensiamo come il diavolo, ma sempre la pensiamo in brutta figura; pensiamo invece che è madre, è anziana. Una delle cose più belle delle nonne è vedere i nipotini. Guardate il rapporto con le vostre suocere. A volte sì, sono speciali, ma hanno dato la maternità del coniuge. Se hanno difetti che si correggano. Attente alla lingua!» ha esclamato Bergoglio ricordando anche, nell'ottavo anniversario della canonizzazione di San Giovanni Paolo II, il suo predecessore. 

Se stamattina il Papa ha messo in risalto la figura della suocera, in passato Francesco è intervenuto per individuare i punti di forza di un matrimonio. «Permesso, grazie, scusa». Sono le tre parole "magiche" suggerite a più riprese a sposi e fidanzati incontrati nel corso del suo pontificato. 

 

«Sappi che la cortesia è una delle proprietà di Dio: la cortesia è sorella della carità, la quale spegne l'odio e conserva l'amore»: questa è la frase dei fioretti di San Francesco che è stata citata proprio da Bergoglio. La sorella più piccola divorziata L'amore vero non si impone con durezza e aggressività. «Chiedere permesso significa saper entrare con cortesia nella vita degli altri. A volte invece si usano maniere un po' pesanti, come certi scarponi da montagna!», 

Ultimo aggiornamento: 28 Aprile, 15:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA