Roma, picchiò anziano e insultò il figlio disabile a Barberini: 2 anni e 6 mesi al tassista

Giovedì 20 Febbraio 2020 di Michela Allegri e Alessia Marani
Roma, picchiò anziano e insultò il figlio disabile a Barberini: 2 anni e 6 mesi al tassista

Confermata dalla Prima sezione penale della Corte d'Appello di Roma la condanna a due anni e sei mesi di reclusione emessa dal gup nei confronti di Marco Magistri, il tassista che il primo aprile di cinque anni fa aggredì il 69enne Antonio Cavallaro a piazza Barberini scaraventandolo a terra e facendogli sbattere la testa. L'anziano finì in ospedale per 60 giorni, Magistri che lo lasciò a terra e scappò, venne poi identificato grazie alle riprese delle telecamere di videosorveglianza sulla piazza, e indagato. Ieri i giudici d'Appello lo hanno condannato anche al pagamento delle spese processuali, 1500 euro, che si vanno ad aggiungere a una prima provvisionale di 30mila euro che, lui però, non ha mai versato.

LEGGI ANCHE Roma, tassista aggredito e rapinato all'alba: «Aiuto mi rubano la macchina» Video
LEGGI ANCHE Roma, cliente picchiato dal tassista all'aeroporto di Fiumicino: revocata licenza definitivamente

IL COMPORTAMENTO
Ieri Giuseppe Cavallaro, figlio e legale dell'anziano, si è detto «pienamente soddisfatto» della decisione dei giudici e ha ringraziato «le autorità e le persone che ci sono state vicine tutto questo tempo». Non i tassisti romani che, invece, si sarebbero dimenticati del dramma piombato addosso alla sua famiglia e al padre che ne sta ancora pagando fisicamente le conseguenze. «Siamo delusi dal comportamento processuale ed extraprocessuale tenuto dal Magistri e dai suoi colleghi - dice l'avvocato -. Se è vero che grazie a noi a quest'uomo è stata ritirata la licenza per potere continuare a svolgere un servizio pubblico, abbiamo saputo, però, che continua a condurre il taxi come abusivo e nessuno fa nulla. Per questo chiediamo anche controlli dal punto di vista personale e patrimoniale su questo soggetto».
 

LEGGI ANCHE Tassista pestato da un gruppo di trentenni a Roma: calci e pugni per non pagare la corsa di 20 euro

I PRECEDENTI
Antonio Cavallaro fu vittima di una selvaggia aggressione a fronte di «motivi abietti e banali», come stabilì il gup. Quel giorno, l'altro suo figlio, disabile, che era in macchina con lui ebbe una crisi respiratoria. L'anziano, quindi, decise di dirigersi alla farmacia Nazionale di piazza Barberini per comprare un medicinale da somministrargli.
Chiese ai tassisti in fila di potere lasciare un attimo l'auto in sosta: «È un'emergenza». Tutti acconsentirono, tranne Magistri che si innervosì e quando Cavallaro uscì dall'auto con la ricetta in mano, lo affrontò a brutto muso: «Togli subito la macchina da lì e vattene insieme a quel mongoloide». Lo colpì e lo lasciò a terra, poi scappò. Rintracciato grazie alle telecamere, si scoprì che il tassista violento, in passato, era già stato segnalato per avere aggredito e minacciato un collega. Ieri la conferma alla condanna in Appello, tra 90 giorni le motivazioni.

Ultimo aggiornamento: 08:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA