Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Non rassegnarsi al degrado». I cittadini romani sono con Mimun

Giovedì 12 Maggio 2022 di Giampiero Valenza
«Non rassegnarsi al degrado». I cittadini romani sono con Mimun

«Non rassegnarsi» al degrado di Roma: quest’appello, lanciato ieri dal direttore del Tg5 Clemente Mimun in una lettera pubblicata su Il Messaggero, è stato accolto con favore dai residenti della città. Tra i primi a rispondere lo sceneggiatore e regista Enrico Vanzina: «Il più grande cambiamento in peggio che c’è stato negli ultimi dieci anni in Italia, come ho scritto nel mio ultimo libro “Diario diurno”, è la rassegnazione al presente», dice. «I romani che hanno un grandissimo passato e possono immaginare uno straordinario futuro non possono rassegnarsi al presente - aggiunge - Dobbiamo darci da fare».

Si è detta «molto d’accordo» anche la presidente del I Municipio, Lorenza Bonaccorsi. «È chiaro che ci sono tante cose da fare e da sistemare, a cominciare da decoro e rifiuti, ma è anche vero che è una battaglia quotidiana perché abbiamo a che fare con tantissime persone che non hanno rispetto per la città e il centro storico - dice - Tantissimi commercianti non rispettano il conferimento corretto dei rifiuti secondo le nuove regole, utilizzano ancora i sacchi neri e li lasciano agli angoli delle strade, se ne fregano di rispettare gli orari di ritiro. Ci sono molti luoghi del centro storico che vengono utilizzati come discariche. Insomma ci sono tanti virtuosi ma anche tanti che non rispettano le regole». «Al centro ormai ci svegliano i gabbiani: sembra di essere al porto. È desolante», commenta Fabrizio Sequi, portavoce del comitato di quartiere Aventino/Ripa. «Il tema richiede una profonda inversione di tendenza», commenta Paolo Salonia, portavoce del Comitato Abitare Ponte Milvio. 

GLI ESERCENTI

«Non dobbiamo piangerci addosso ma essere protagonisti – dice Claudio Pica, presidente della Fiepet Confesercenti Roma - I pubblici esercizi sono pronti e sarà cura fare la nostra parte, insieme anche alle istituzioni, per far ripartire Roma. Non ci sottraiamo all’appello di rimboccarsi le maniche per la città. Noi rappresentiamo la vera accoglienza per il turista ma anche per il cittadino di Roma»

© RIPRODUZIONE RISERVATA