Scuola Roma, Dad in aumento: boom di docenti malati e mancano i supplenti

Allarme dei dirigenti scolastici: «Il virus dilaga tra gli alunni più piccoli e i professori»

Lunedì 24 Gennaio 2022 di Flaminia Savelli
Scuola Roma, Dad in aumento: boom di docenti malati e mancano i supplenti

 I dirigenti scolastici avevano anticipato che la ripresa delle lezioni dalla pausa natalizia, in piena quarta ondata Covid, sarebbe stata complicata. E così è stato: il virus dilaga tra gli alunni, tra i più piccoli soprattutto perché il percorso vaccinale è a metà strada. Dunque nelle scuole le classi in presenza diminuiscono giorno dopo giorno. Mentre per i presidi prosegue la corsa a gestire le aule divise tra Didattica a distanza e Didattica digitale integrata.

 

Scuola, prove Invalsi 2022, il calendario delle date

 

Boom di docenti malati e mancano i supplenti

 

Ieri un nuovo allarme lanciato da Mario Rusconi, presidente di Assopresidi: «La situazione è grave, sono molti i ragazzi che hanno preso l’infezione e stanno aumentando le classi in quarantena. Il rischio è che la scuola sia presa solo dall’emergenza sanitaria e tralasci l’emergenza formativa. La scuola deve formare dei ragazzi strutturati e invece al momento presidi, insegnanti e segreterie sono tutti presi dalla gestione della pandemia».

 

 

 

CAOS SUPPLENZE

Un percorso a ostacoli per i dirigenti scolastici garantire la presenza dei docenti in classe. Anche quella delle cattedre scoperte è un’emergenza scattata lo scorso 10 gennaio, al rientro dalla pausa invernale. Secondo la stima, nelle ultime due settimane la media dei prof che è bloccato a casa dal virus è di 15 per istituto. Con i supplenti che non si trovano. In questo caso però, il problema è burocratico e legato alle norme sanitarie. L’esenzione per malattia scatta infatti solo a tampone eseguito. Dall’inizio della positività dunque, il docente deve rinnovarlo ogni cinque - sette giorni fino a quando non si negativizza. Ma senza la certezza di una sostituzione più a lungo termine, i pochi supplenti rimasti non accettano: «Non siamo nelle condizioni di comunicare la durata reale dell’incarico - spiega Valeria Sentili, vice presidente di Assopresidi- perché neanche i prof sanno quando potranno rientrare, con questo sistema reclutare il personale è molto complicato».

 

LE SOSTITUZIONI

Un caos dunque perché le cattedre restano scoperte: almeno cinque per ogni istituto. In alcuni casi sono i colleghi non in malattia a sostituire. In altri, sono stati chiamati giovani laureandi. Infine l’ultima carta giocata dai presidi: richiamare - ma solo su base volontaria e senza retribuzione - gli insegnati in pensione. Mentre ad allungare la lista dei docenti assenti ci sono anche quelli che, nonostante l’obbligo, ancora non si sono vaccinati e quindi sono stati sospesi. E chi invece, sebbene guarito dal virus, sta ritardando il rientro. Intanto i numeri sui contagi sono ancora preoccupanti: ieri secondo l’ultimo bollettino regionale, sono stati 7.622 i nuovi casi positivi di cui 4.571 nella Capitale. Sono stati 27 invece i decessi e con 28 nuovi ricoveri, il totale dei pazienti in ospedale è di 2.047 unità. Si alleggeriscono infine le terapie intensive che scendono da 207 a 202 malati.

Ultimo aggiornamento: 25 Gennaio, 14:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA