Morto Sergio Rossi, giornalista e scrittore: una vita per i Circoli

Mercoledì 11 Agosto 2021 di Lucilla Quaglia
Morto Sergio Rossi, giornalista e scrittore: una vita per i Circoli

Una vita per lo sport ma anche per la convivialità e la letteratura. E’ scomparso il vulcanico Sergio Rossi, giornalista e scrittore, fondatore ed editore della storica rivista Tennis Oggi. Soprattutto, instancabile ideatore, organizzatore e animatore di eventi e iniziative, molte delle quali benefiche. Tutte portate avanti con inarrestabile grinta e sorriso generoso. Aveva compiuto novant’anni lo scorso 29 giugno.

Da ben settanta frequentava il Circolo Canottieri Roma come socio, poi consigliere al tennis (1973/’74), quindi vicepresidente sempre con delega al tennis (1975/’76). Negli anni Ottanta crea gli Assoluti regionali di tennis. Dal 1981 al 1988 è presidente del comitato Fit Lazio. Nel 2011 autore, insieme a Italo Amati, di “Verso i 100 anni“, il primo libro sulla storia del Canottieri Roma.

 
E proprio ai circoli storici della Capitale ha dedicato una delle sue maggiori “creature“: le “Olimpiadi gastronomiche”. Gara patrocinata dall’Accademia Italiana della Cucina e dal Messaggero: «Un nuovo sport - amava definirlo Rossi - nato tra gli chef dei club della Citta Eterna che, per la prima volta, si sono fronteggiati ai fornelli e non sui campi da gioco». Kermesse che dal 2013, interrotta temporaneamente solo dalla pandemia, ha animato e soprattutto avvicinato tra loro i circoli sportivi e reso popolari i rispettivi talentuosi cuochi.

 
Ora il compito di proseguire la manifestazione passa alla figlia Michela, accademica della cucina, che già sta per fissare le prossime date. Molti sottolineano che Sergio Rossi è stato innanzitutto un narratore: di cronache, prima di approdare alla poesia e al romanzo. Lo scrittore Ugo Moretti ha affermato che “Sergio Rossi è entrato nel tempio della poesia con i capelli grigi, ma dalla porta d’oro”. E la sua opera non si ferma. 
 

Ultimo aggiornamento: 23:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA