Cilento: distributore di carburante
non a norma, scatta il sequestro

Giovedì 26 Novembre 2020 di Carmela Santi

Il Nucleo di Polizia ambientale dell’Ufficio Circondariale marittimo di Palinuro ha dato esecuzione a un provvedimento di sequestro preventivo emesso dal  Gippresso il Tribunale di Vallo della Lucania di un distributore carburanti sito nel Comune di Celle di Bulgheria.

LEGGI ANCHE Positivo al Covid, porta una tanica di benzina alla compagna con auto in panne sulla Tangenziale di Napoli: denunciato


Nello specifico nel corso di verifiche, eseguite unitamente al personale tecnico dell’Arpac di Salerno, è stato riscontrato che la ditta lavorava in assenza dell’autorizzazione unica ambientale ed in assenza di un sistema di trattamento depurativo delle acque di dilavamento del piazzale, luogo in cui si svolgevano le fasi di lavorazione e l’attività di distribuzione del carburante.

Le acque in questione, contaminate con le sostanze connesse all’attività, confluivano in un depuratore non a norma e venivano immesse tal quali nelle aree circostanti e su nudo terreno in area limitrofa al fiume Mingardo.

Il tutto è accaduto in area soggetta a speciale protezione all’interno del Parco Nazionale del Cilento, degli Alburni e del Vallo di Diano.

Con tale provvedimento il Giudice, avallando gli esiti delle pregresse indagini svolte dal personale operante, ha ordinato il sequestro preventivo del distributore carburanti, necessario a scongiurare il protrarsi della condotta illecita assunta e consequenziale danno all’ambiente da parte dei responsabili.

© RIPRODUZIONE RISERVATA