Ecco chi si cela dietro i manifesti
anti-immigrati in Campania

di Marco Di Bello

4
  • 156
Erano apparsi nei giorni scorsi, i manifesti che chiedevano la fine dell'ospitalità di profughi a Battipaglia. Tuttavia, firmati semplicemente da "Il Banditore - Comitato per la difesa del paesaggio", i manifesti non riportavano alcun riferimento al proprio autore. Così, le domande si erano moltiplicate e la curiosità era aumentata. Anche sul sito del Comitato, benché presente una sezione Chi siamo, non vi sono riferimenti a nomi o persone note in città. Così, il mistero è durato per qualche giorno.

comitato-banditore-battipaglia

Adesso, andando a verificare fra gli amministratori del sito stesso del Comitato, emerge un nome. È quello di Massimo Pacilio, che avrebbe registrato il dominio a febbraio di quest'anno.
Cercando in rete, il nome di Pacilio ricorre spesso in merito a iniziative simili. Egli, infatti, sarebbe il Presidente del Comitato stesso, che sarebbe stato costituito proprio a febbraio scorso. Un'iniziativa simile a quella di Battipaglia sarebbe stata intrapresa anche ad Avellino. Resta da capire, invece, chi abbia materialmente provveduto all'affisione dei manifesti e se esiste un comitato cittadino.
Venerdì 24 Marzo 2017, 18:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2017-03-25 08:15:00
Non sono profughi ma vili disertori che lasciano donne bimbi e vecchi a combattere al posto loro ! Vengono in Europa e li facciamo fare turisti per sempre a spese dei cittadini ! I manifesti ci vogliono per informare le popolazioni di cosa sta per accadere !!
2017-03-24 23:31:00
Si addita l' untore.... Signori, comunque la si giri i motivi e le finalità sono di chiarissima sostanza e vastissima diffusione. Il fenomeno immigrazione é da tempo sfuggito di mano a tutti, accoglienti e non, e migranti stessi vittime di un sogno irreale o di fughe sempre più spesso verso il nulla. Inutile nascondere la testa sotto la sabbia, ce la siamo cercata la madre delle situazioni, ora staremo a vedere come si cercherà di venirne fuori. Se tanto ci dà tanto, sicuramente nella peggiore delle maniere da buoni italiani, gli eredi delle peggiori posizioni nella storia dei secoli più recenti..... Per la gioia di chi ci sguazza e ingrassa!
2017-03-24 20:20:26
grande manifesto,pieno di buon senso;il paese non e' in grado di accogliere 200 mila immigrati all'anno che tra l'altro non vengono a lavorare, ma per essere assistiti.Visto tra l'altro la quasi impossibilità dei rimpatri la prima cosa da fare e' impedire altri sbarchi;cosa semplice da fare ritirando le navi della marina e rifiutando l'attracco alle navi delle ong che battono bandiera straniera che legge del mare alla mano ,non hanno nessun diritto giuridico di sbarcare i migranti in Italia.Un governo serio bloccherebbe gli sbarchi in un paio di giorni;alla prima nave onga cui viene rifiutato l'attracco, tutto il traffico finisce .Se lanave ong e' norvegese, porta gli immigrati in norvegia;se e' spagnola in spagna. Nessuna nave ong batte bandiera italiana.
2017-03-24 19:33:26
Spiace dirlo, ma i concetti sono chiari e impongono ineludibili riflessioni. Occorre pensare prima agli italiani !

QUICKMAP