Incidente sul lavoro a Nocera Inferiore,
grave operaio caduto da una scala

Venerdì 5 Novembre 2021 di Nello Ferrigno
Incidente sul lavoro a Nocera Inferiore, grave operaio caduto da una scala

È in gravi condizioni l’uomo di 42 anni ricoverato nel reparto di rianimazione dell’ospedale Umberto I a Nocera Inferiore. I medici gli hanno riscontrato un’emorragia cerebrale provocata da un trauma cranico. È in coma indotto e sedato farmacologicamente. Il paziente non è operabile chirurgicamente. I medici attenderanno le prossime ore per decidere cosa fare aprendo sul caso una finestra neurologica che potrebbe durare anche 48 ore per verificare l’eventuale riduzione dell’ematoma e stabilire quale metodologia terapeutica seguire. L’uomo, C. P. le iniziali del suo nome, è di Nocera Inferiore ma residente a Cava. Nella città dell’Agro è molto conosciuto. Nel quartiere Capo Casale, in pieno centro storico, risiedono alcuni suoi parenti. È arrivato in pronto soccorso nella tarda mattinata di mercoledì in condizioni molto critiche con poli trauma. A procuragli le ferite, la più grave al cranio, sarebbe stata una caduta da un’altezza di due o tre metri, così come avrebbero dichiarato le persone all’arrivo in pronto soccorso. L’operaio sarebbe caduto da una scala. Le versioni fornite sarebbero contrastanti così come il luogo dell’incidente. Sul caso sono al lavoro i carabinieri del Reparto territoriale di Nocera Inferiore guidati dal colonnello Rosario Di Gangi. I militari stanno cercando riscontri su quanto accaduto. Ieri pomeriggio sono state sentite le persone che hanno accompagnato il ferito in ospedale.

Sembra che l’incidente si sia verificato all’interno di un capannone di un’azienda siderurgica a Sant’Egidio del Monte Albino. Gli investigatori non escludono che l’uomo lavorasse senza copertura assicurativa. «È verosimile un incidente sul lavoro», riferiscono fonti investigative che stanno cercando di ricostruire la dinamica dell’incidente. I militari hanno effettuato alcuni sopralluoghi nel capannone dove l’uomo sarebbe caduto e hanno anche ascoltato i titolari dell’azienda. In ospedale, tra i parenti dell’uomo c’è molta preoccupazione. I medici non si sono sbilanciati, considerata la gravita delle ferite al cranio. La prognosi è riservata e, al momento, non ci sono dichiarazioni ufficiali. Un medico dell’Umberto I ha riferito che l’uomo deve aver sbattuto la testa con violenza considerato il trauma riscontrato. Prima di essere sedato è stato sottoposto ad una serie di accertamenti diagnostici nel reparto di neuroradiologia. Il quadro clinico emerso dai controlli radiologici, in particolare quello neurologico, non sembrerebbe estremamente negativo. Nelle prossime ore il paziente sarà sottoposto a nuovi esami. Dalla Tac potrebbero arrivare notizie più confortanti che danno maggiori speranze di sopravvivenza, così come si potrebbero escludere conseguenze di carattere neurologico. Insomma i medici, pur mantenendo la massima prudenza, lasciano uno spiraglio di ottimismo. 

Ultimo aggiornamento: 17:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA