Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Senza biglietto e mascherina sul bus
aggrediscono conducente: denunciati

Mercoledì 10 Agosto 2022 di Nicola Sorrentino
Senza biglietto e mascherina sul bus aggrediscono conducente: denunciati

 Erano saliti sul pullman senza biglietto e senza mascherina. Quando sono stati ripresi dal conducente della linea 79, lo hanno prima insultato e poi aggredito. E' accaduto una settimana fa, protagonista una famiglia di Sarno, identificata dalle forze dell'ordine per l'aggressione consumata contro il conducente di un bus. Il mezzo era partito da Castel San Giorgio. Si trattava di una linea di Busitalia, che terminava la sua corsa proprio a Sarno, dopo essere passato da Nocera Inferiore.

Qui, era salita sul bus una famiglia di cinque persone, padre, madre e tre figli, di cui due piccoli. Quando il conducente ha visto che i cinque erano senza mascherina li ha richiamati al rispetto delle prescrizioni di legge, ma avrebbe ricevuto in cambio solo una serie di insulti. Dalle parole si è passati ai fatti e l’aggressione verbale si è trasformata in fisica, quando il pullman era giunto poco dopo la stazione ferroviaria di Nocera. Il conducente è stato graffiato, ma è riuscito a lanciare l’allarme alla polizia.

Paura a bordo tra gli altri viaggiatori. Il bus si è fermato in via Nicola Bruni Grimaldi. Le pattuglie delle forze dell'ordine hanno portato gli aggressori al commissariato. L’autista è stato portato invece in ospedale per le cure. Ha rimediato alcuni graffi, ma fortunatamente per lui nulla di grave. Sono stati invece identificati i tre aggressori, per loro ci sarà la denuncia a piede libero. Massima solidarietà da parte dei sindacati per il conducente, che hanno però condannato l'ennesimo episodio di violenza ai danni del personale, verso il quale si chiede da tempo una maggiore sicurezza. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA