Droga a domicilio, sgominata la banda
«i guaglioni di via Irno»: 23 arresti

Martedì 14 Settembre 2021
Droga a domicilio, sgominata la banda «i guaglioni di via Irno»: 23 arresti

I carabinieri del Comando provinciale di Salerno stanno dando esecuzione a numerose ordinanze di custodia cautelare in carcere ed agli arresti domiciliari nell'ambito dell'indagine «Porta a porta»  relativa ad associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. 

E' stata sgominata una rete di spaccio a Salerno che forniva gli stupefacenti porta a porta. I carabinieri del Comando Provinciale hanno arrestato 23 persone (di cui 13 in carcere e 10 ai domiciliari) per i reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e spaccio. Le indagini, durate dal 2018 fifno all'agosto 2020, hanno fatto emergere uno spaccato delinquenziale operante nella città di Salerno ed in alcuni comuni vicini. Il gruppo, noto come «I Guaglioni di Via Irno», era guidato, secondo gli investigatori, dal pregiudicato Aniello Pietrofesa, definito come «capo promotore» o «capo dei capi». Le indagini hanno individuato un'organizzazione di 'drug delivery' con centralinisti alternati in turni in possesso di utenze telefoniche «dedicate» (intestate fittiziamente) per ricevere le ordinazioni, disponendo di conseguenza l'appuntamento o anche la consegna a domicilio.

Video

«I Guaglioni di Via Irno» utilizzavano anche Sms «promozionali» per stimolare l'acquisto di droga, con linguaggio convenzionale: un esempio su tutti, «Tutte e 3 le kose a 15 euro lento veloce per fumare», dove «lento» sta per eroina, «veloce» per cocaina e «per fumare» fa riferimento al crack. Mezzi di comunicazione rapidi per una platea di compratori perlopiù fra i 18 ed i 30 anni. Arrestate (ai domiciliari) anche tre donne, impiegate, al pari degli uomini, in attività di confezionamento, spaccio e occultamento di stupefacente o denaro. Il gruppo, che non ha mai conosciuto crisi, si è distinto per il possesso di un notevole parco auto e moto, integrato spesso da mezzi a noleggio a breve termine per eludere i controlli. Il giro di affari variava tra i 500,1000 euro a testa per la vendita di cocaina (detta «veloce», «bianco» o «cd di discoteca»), di eroina («lento», «nero», «scuro» o «cd d'amore») e di crack («per fumare» o «cotto»), con prezzo proposto di 10 euro al «pezzo» (dose). Un giro d'affari tanto corposo da portare i componenti dell'organizzazione a numerosi viaggi verso il quartiere napoletano di Secondigliano per l'approvvigionamento dello stupefacente da smerciare con un ricavato stimato di oltre un milione di euro annui. 

Ultimo aggiornamento: 12:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA