Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Omicron 5, boom contagi in una settimana: in Lombardia +48% in 7 giorni, Friuli con il tasso di crescita più alto

Lunedì 13 Giugno 2022
Omicron 5, boom contagi in una settimana: in Lombardia +48% in 7 giorni, Friuli con il tasso di crescita più alto

In una settimana a Milano sono quintuplicati i nuovi casi (da 261 a 1.095 in un giorno), mentre il Friuli ha il tasso di crescita più alto d'Italia. È nuova ondata per Omicron 5. Il dato nazionale dei nuovi contagi riporta che in sette giorni sono passati da 15 a 21 mila. E in Lombardia l’aumento sui sette giorni è vicino al 48 per cento. La variante BA.5 fa temere per l'estate e il rischio contagio. Anche perché non tutti hanno ricevuto la terza dose di vaccino (circa poco più del 50%) e il farmaco contro il coronavirus perde efficacia dopo circa 5 mesi dall'iniezione.

Mascherine, via l'obbligo per gli esami di maturità? Costa: «Devono svolgersi senza». Ipotesi nuovo decreto il 15 giugno in Cdm 

Perdita efficacia vaccini

La ricerca dei Centers for Disease Control and Prevention mostra che i vaccini hanno fornito una protezione significativa contro COVID-19, ma l'efficacia è diminuita nel tempo. Dopo la vaccinazione completa, l'immunità contro l'infezione da COVID-19 è diminuita dall'83% dopo il primo mese al 22% dopo cinque o più mesi. La ricerca includeva dati su adulti e bambini, dai 12 anni in su. I risultati hanno anche mostrato che i destinatari del vaccino Moderna hanno sperimentato i più alti livelli di protezione.

Omicron 5, ecco come evitare il contagio: le 6 precauzioni da seguire in vista delle vacanze estive

 

Quando conviene fare la terza dose dopo Omicron

Anche altri fattori aumentano la vulnerabilità alla reinfezione, a partire da quanto tempo è passato da quando hai avuto il Covid. Le difese immunitarie tendono a diminuire dopo un'infezione. Uno studio pubblicato nell'ottobre 2021 ha stimato che la reinfezione potrebbe verificarsi non appena 3 mesi dopo aver contratto il Covid-19 . Sebbene questi risultati fossero basati sul genoma del coronavirus e spiegassero il previsto calo degli anticorpi che potrebbero combattere il virus, lo studio non ha tenuto conto di nuove varianti come l'Omicron che erano radicalmente diverse dalle varianti precedenti. A causa della diversità di Omicron, la tua protezione potrebbe diminuire ancora prima. In uno studio pubblicato a febbraioche non è stato ancora sottoposto a revisione paritaria, gli scienziati danesi hanno scoperto che alcune persone sono state reinfettate con il sottolignaggio BA.2 di Omicron non appena 20 giorni dopo essere state infettate con l'originale Omicron BA.1. Poiché il virus sta infettando più persone ora, anche le tue possibilità di essere esposto e di essere reinfettato sono più elevate, ha affermato il dottor Abu-Raddad. E mentre non è chiaro se alcune persone siano semplicemente più suscettibili alla reinfezione da Covid-19, i ricercatori stanno iniziando a trovare alcuni indizi. Le persone anziane o immunocompromesse possono produrre pochissimi anticorpi o di qualità molto scarsa, rendendoli più vulnerabili alla reinfezione, ha affermato il dottor Abu-Raddad. E le prime ricerche mostrano che un piccolo gruppo di persone ha un difetto genetico che paralizza una molecola immunitaria cruciale chiamata interferone di tipo I , esponendole a un rischio maggiore di gravi sintomi di Covid. Ulteriori studi potrebbero scoprire che tali differenze giocano un ruolo anche nella reinfezione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA