Nasce il liquore di San Gennaro: degustazione aperta ai curiosi da Alma de Lux

Giovedì 17 Settembre 2020
Ogni anno, tutta Napoli il 19 settembre è con il fiato sospeso in attesa che San Gennaro, patrono della città, faccia “il miracolo”. La tradizione di attendere che il sangue di San Gennaro si liquefaccia è molto antica, infatti, il prodigioso evento si ripete dal 16 dicembre del 1631, giorno in cui i napoletani chiesero a San Gennaro di scongiurare una violentissima eruzione del Vesuvio che minacciava di raggiungere la città, il quale non disattese le aspettative.

San Gennaro è dunque un’icona, un eroe che protegge la nostra città e per questo va celebrato. Luisa Matarese, ideatrice e cuore pulsante di “Alma De Lux” un laboratorio artigianale che produce liquori in un mix unico di passione, genuinità, sapori e, soprattutto, stile, dedica all’amatissimo “Faccia Gialla” una linea di liquori unica. Tre eleganti e gustosi liquori potranno essere degustati il 19 settembre dalle 10.00 alle 13.00 (per orario extra anche su appuntamento) presso la bottega de Lux a San Giorgio a Cremano (NA) in via Giuseppe di Vittorio n°9, un omaggio che Alma De Lux dedica agli appassionati del gusto e delle cose belle, in generale.

La bottiglia dalle sembianze di San Gennaro, con tanto di busto e copricapo sono un inno al patrono della città di Napoli. Lo stesso busto che nel 1631 fermò miracolosamente la lava che stava per distruggere la città. Il tappo a forma di “mitra” contenente il liquore simboleggia l’ampolla che contiene il sangue di San Gennaro, lo scrigno osservato da tutti i fedeli al Duomo di Napoli in attesa che il sangue si sciolga.

Dietro la bottiglia dalle sembianze di San Gennaro si cela una scelta accuratissima di aromi e spezie pregni di simbologia.

Il liquore nero è un concentrato di liquirizia purissima, talmente materica e opulenta che sembra quasi si possa masticare, rappresenta la lava, la stessa lava che il 16 dicembre del 1631, ormai alle porte della città stava per distruggere Napoli, è cosa nota che la lava fu fermata da San Gennaro.  

Il liquore rosso, come il sangue che simboleggia il miracolo è un concentrato di cannella, speziata e profumata capace di risvegliare i sensi. Si racconta, a tal proposito, che i napoletani portarono in processione le ampolle del sangue con il busto del Santo Protettore al ponte dei Granili, l'attuale ponte della Maddalena. Il sangue si sciolse e il magma si arrestò improvvisamente risparmiando la città.

Il liquore giallo, l’originale Camolime, un misto di camomilla e lime, è invece un omaggio al celebre pseudonimo di San Gennaro, “FacciaGialla” nomignolo utilizzato dai partenopei veraci che si rifanno bonariamente al colore bronzeo del volto della statua portata in processione.

I liquori Alma De Lux sono figli di un'idea, che ha messo insieme l'autenticità della sostanza con l'originalità della forma: l'autenticità dei sapori di una terra incontaminata racchiusi nell'originalità di bottiglie, tanto eleganti da trasformarsi anche in regali di grande pregio. Luisa Matarese, l'ideatrice e “anima” di Alma De Lux, colei che con cura, attenzione e trasporto va alla ricerca della materia prima migliore (piante, radici, frutti) per trasformarle e combinarle in prodotti artigianali unici: oltre quaranta gusti, tra cui  liquori al Cigarro, pomodoro del piennolo, chinalime, zafferano, curcuma, bacche di goji , zenzero, e tanti altri elisir del gusto… © RIPRODUZIONE RISERVATA