A 100 anni le rinnovano la patente fino al 2024, nonna Candida è da record: «Pastiglie? Mai prese»

A 100 anni le rinnovano la patente fino al 2024, nonna Candida è da record: «Pastiglie? Mai prese»
Martedì 7 Giugno 2022, 08:41 - Ultimo agg. 13:35
3 Minuti di Lettura

A 100 anni  le hanno rinnovato la patente per altri due anni: Candida Uderzo ci vede benissimo, ragiona e sa guidare. L’anziana che vive a Sarcedo nel Vicentino potrà continuare a guidare fino al 2024 quando di anni ne avrà 102.Candida, classe 1922,  continua a muoversi in auto e in bici per andare a trovare la sorella ma anche a piedi. «Ogni domenica alle 6 sono pronta a partire - racconta - da sola o coi miei amici parto per la mia camminata domenicale. Mi piace molto marciare e non ho nessuna intenzione di smettere».

Basma Azfaal scomparsa, le amiche: «Voleva scappare da un matrimonio combinato, è in Francia con l'amore conosciuto online»

Mamma di Gianni Salin, nonna di due nipoti (Carlo e Stefania) e bisnonna per cinque volte (Nicolò, Adele, Gioele, Ines e Daria) in occasione del 50° anniversario della Marcia delle Colombare di Breganze è stata premiata con una targa da Wilma Abriani, presidente del gruppo podistico Laverda. La centenaria è all’interno dell’associazione sportiva da 37 anni, praticamente dall’età della pensione, mettendosi sempre in prima fila, anche dalla parte degli organizzatori.

«Mi è sempre piaciuto camminare - racconta Candida Uderzo, fresca comunque di rinnovo della patente di guida - ma all’interno del gruppo podistico Laverda ho sempre dato anche il mio sostegno, ad esempio mettendomi dietro al banco delle iscrizioni in occasione del Giro delle Colombare. Camminare per me significa primo stare in compagnia dei miei amici e soprattutto avere l'occasione di scambiare qualche parola con loro, secondo godere della bellissima natura che il Signore ci ha regalato».

«Pastiglie o medicinali? Nessuno. Prendo a volte qualche pastiglia per dormire quando fatico ad addormentarmi», racconta al Corriere della Sera.  Candida e il marito hanno avuto un figlio solo, Gianni. «Quando le hanno rinnovato la patente quasi non ci ho creduto - dice - pensavo che glie l’avrebbero tolta. E’ vero che fisicamente è perfetta, capace di intendere e volere, legge il giornale senza occhiali. A volte decidono di toglierla comunque perché a questa età un malore può sempre capitare. Lei però è davvero sana. Le abbiamo chiesto, per stare tranquilli, di rimanere nei paraggi. Non le abbiamo ancora messo il Gps in auto, ma di solito ci dice dove va».

© RIPRODUZIONE RISERVATA