Delitto Sarah Scazzi, Sabrina e Cosima hanno un nuovo lavoro in carcere: producono mascherine

Giovedì 14 Maggio 2020
Sarah Scazzi, Sabrina e Cosima hanno trovato lavoro in carcere: ecco cosa fanno

Che fine hanno fatto Sabrina Misseri e la madre Cosima Serrano, in carcere dopo la condanna all'ergastolo per l'omicidio di Sarah Scazzi? Un'anticipazione del settimanale Oggi rivela come la zia e la cugina di Sarah, uccisa il 26 agosto 2010 ad Avetrana, si trovino nel carcere di Taranto e hanno da poco trovato un impiego.

Leggi anche > Silvia Romano su Facebook: «Non arrabbiatevi per difendermi»

Per l'emergenza coronavirus infatti Sabrina e Cosima sono passate alla produzione di mascherine, che cuciono in prima persona: in passato si erano occupate invece del confezionamento di tovaglie, corredi, vestiti. Sabrina e la madre dividono la stessa cella e lavorano nel laboratorio di sartoria del penitenziario. Il settimanale, in edicola dal 21 maggio, dedica un servizio ai lavori svolti in carcere da alcuni detenuti 'vip' condannati per omicidio. 

Ultimo aggiornamento: 14:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA