Troppo sesso, Kechiche fa scandalo al festival di Cannes

  • 238
CANNES . Kechiche torna a dare scandalo a Cannes dove sei anni vinse la Palma d'oro con il controverso «La vita di Adèle», storia d'amore tra due ragazze con scene hard che non lasciavano nulla all'immaginazione. Questa volta il fluviale «Mektoub, My Love: Intermezzo» va oltre: tre ore e quarantacinque minuti di sensuali primi piani di corpi giovani e belli al ritmo della tecnodance anni Novanta, l'opulento lato B della protagonista Ophelie Bau inquadrato da ogni angolazione e una scena di sesso orale lunga un quarto d'ora, hanno fatto scoppiare il caso. Molti hanno abbandonato la sala, annoiati, indignati, estenuati. Sui social impazzano i commenti negativi e le accuse di maschilismo e di voyeurismo al regista franco-tunisino e, soprattutto, va registrata la clamorosa presa di distanze di Ophelie dall'intera operazione: dopo aver fatto «les marches» con tutto il cast, l'attrice ha abbandonato la sala a metà proiezione e ieri non ha partecipato al photocall né alla conferenza stampa. Al microfono Kechiche ha cercato di riparare («mi scuso per non averti avvertita»), ma ormai la frittata era fatta.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 25 Maggio 2019, 09:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP