Quando Aretha Franklin stregò Benevento al Cantagiro con Massimo Ranieri

di Lindo Torzillo *

0
  • 19
Pochi lo ricordano, ormai, ma nel 1969, a Benevento, fece tappa il «Cantagiro». I maggiori cantanti e gruppi dell'epoca giravano l'Italia di provincia con una carovana di macchine scoperte e di fans al seguito alla ricerca della canzone dell'estate: il «Festivalbar» non c'era ancora, il termine «tormentone» non era stato ancora codificato, ma il senso era quello.

Quell'anno la manifestazione organizzata da Ezio Radaelli partì il 25 giugno da Cuneo e si concluse il 12 luglio con la finale a Recoaro Terme: presentavano Nuccio Costa, Dany Paris e Johnny Dorelli, la tappa sannita risale al 2 luglio. Io ero un ragazzino, neanche 10 anni, e mi ritrovai nello stadio, a quel tempo era il campo sportivo Meomartini: un pezzo grosso della Guardia di Finanza che abitava nel mio palazzo era presidente della giuria che doveva nominare il vincitore della tappa (in ogni città ce ne doveva essere uno, alla fine chi collezionava più vittorie vinceva il Cantagiro). Non avendo grosse conoscenze musicali, il brav'uomo pensò di nominarmi, nonostante la mia giovanissima età, o forse proprio per quella, suo «consulente artistico» personale.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 23 Agosto 2018, 10:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP