Renzo Arbore e i ricordi di una vita: «Lucio Battisti mi disse che cantava peggio di Mogol»

Lunedì 28 Dicembre 2020 di Alessandro Strabioli
Renzo Arbore, tra "Aspettando il vaccino" e i ricordi di una vita: «Lucio Battisti mi disse che cantava peggio di Mogol»

Albert Camus ha scritto da qualche parte che soltanto la musica è all’altezza del mare. E forse proprio i colori, l’armonia e l’imprevedibilità del mare hanno influenzato le sfumature del modo di fare musica e televisione di Renzo Arbore. Cantautore, disc jockey, conduttore radiofonico e televisivo, clarinettista, fondatore dell’Orchestra italiana, presidente di Umbria Jazz, sceneggiatore, regista, compositore, attore, Arbore ha rivoluzionato...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
© RIPRODUZIONE RISERVATA