Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

L'Aktis Acquachiara under 18
alla Final Eight di Monterotondo

Mercoledì 22 Giugno 2022 di Diego Scarpitti
Acquachiara under 18

Momento biancazzurro. Dopo la salvezza maturata con la prima squadra in gara 3 ai danni di Sturla, ecco un altro tassello importante per i ragazzi di Walter Fasano. Accedono con pieno merito alla Final Eight capitan Mattia Rocchino e compagni. Entusiasta davvero il classe 2004 per la pesante doppietta messa a segno alla Scandone contro i liguri e per la prestigiosa convocazione alla 19esima edizione dei Giochi del Mediterraneo, che si svolgerà ad Orano, in Algeria, dal 25 giugno al 6 luglio.

«E’ stato un periodo bello intenso», racconta soddisfatto l’allenatore salernitano. «Ci siamo giocati tutto in tre giorni». E così è stato. «Obiettivo salvezza centrato in serie A2 e pass staccato con l’under 18 per le finali nazionali di categoria», osserva il coach dell’Aktis con un «calendario congestionato: sabato 18 giugno l’impegnativa sfida, domenica 19 e lunedì 20 le semifinali a Fuorigrotta».

Tutto è filato liscio. «Rischio flop scongiurato. Abbiamo messo in cassaforte la salvezza e ci siamo subito dedicati alle partite seguenti. Festeggiamenti lampo di 24 ore, perché ci siamo immediatamente catapultati all’impegno tra le mura amiche. Ci tenevamo a fare bene, raccogliendo tre ottimi risultati: 8-2 con il Savona, 10-4 con Olympic Roma e 10-2 con President Bologna», asserisce Fasano, complimentandosi con i suoi. «I ragazzi sono stati eccezionali. Siamo stati superlativi nella fase difensiva, sfruttando in attacco le occasioni a disposizione».

Rotazioni. «Ho dato un minutaggio alto a tutti i ragazzi. Turnover ampio, mettendo in difficoltà il sottoscritto per le scelte tecniche in vista dell’appuntamento di Monterotondo (dal 3 al 6 luglio)», prosegue il mister acquachiarino. «Affronteremo le più forti d'Italia, perché in palio c’è lo scudetto under 18. Sono contentissimo e sono proiettato a questi 10 giorni di lavoro per arrivare al meglio e farci trovare pronti. Ce la giocheremo a viso aperto con tutti. Lecito fare un pensierino tricolore», auspica Fasano.   

Questi i giocatori che prenderanno parte alla rassegna nazionale: Lorenzo FilenoDiego Musacchio, Jacopo Giannetti, Davide Chianese, Francesco Costa, Mattia RocchinoFrancesco e Fabio Angelone, Simone Cucciniello, Camillo Angelone, Angelo Cassaniti, Andrea Di Maro, Davide Cielo, Paolo Nazzaro, Gianluca Vernetti, Alessio Di Gloria, Manuel Cecere, Giovanni Russo, guidati da Walter Fasano, con il vice Ciro Alvino, insieme al dirigente accompagnatore Giuseppe Fasano.

Le congratulazioni della società. «Questa qualificazione non deve rappresentare un punto di arrivo, tutt'altro. Non a caso la maggior parte dei componenti dell'under 18 fa parte del roster della prima squadra, che ci ha fatto emozionare alla Scandone», argomenta il patron Franco Porzio.

Anniversario. «A settembre 2022 saranno esattamente 25 anni dalla fondazione della società e dall'apertura della piscina del Frullone, divenuto vero e proprio punto di riferimento sportivo, sociale e giovanile sul territorio», tiene a precisare il presidente biancazzurro. «Il ringraziamento più grande va agli atleti, al coach Walter Fasano, ai dirigenti Alfonso Richiello e Peppe Fasano e a tutti i genitori, che non hanno mai fatto mancare il loro sostegno ed entusiasmo».

Riconoscenza. Infine un pensiero affettuoso a chi si è speso alacremente in questi anni, senza fermarsi mai. «Voglio citare due persone che hanno aiutato il nostro club nel suo percorso di crescita sotto l'aspetto sportivo ma anche di comunicazione e marketing: Gianluca Leo, tra l'altro nostro ex atleta e dirigente, e Mario Corcione, storico giornalista ed ufficio stampa», dice Porzio. «Questo non è un punto di arrivo ma di partenza per fare insieme grandi cose. Ed ora sotto con la finale scudetto», conclude fiducioso l’oro olimpico a Barcellona 1992.

© RIPRODUZIONE RISERVATA