Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

San Mauro, è un traguardo storico:
prima volta alla Final Eight under 18

Mercoledì 22 Giugno 2022 di Diego Scarpitti
San Mauro

«Nessuno il 30 settembre avrebbe scommesso su questo gruppo, io ci ho sempre creduto ed oggi possiamo dirlo: siamo in finale. Orgoglioso di voi». Sorride Oreste Di Pasqua, valido tecnico del San Mauro. I suoi ragazzi hanno staccato un pass prestigioso. Ci saranno anche loro alla Final Eight di Monterotondo dal 3 al 6 luglio.

«E’ un risultato storico», commenta entusiasta l’allenatore biancoblu. «Approdiamo per la prima volta nella storia del San Mauro ad una Final Eight under 18». Gioia visibile, felicità condivisa. «Sono molto contento per l’evoluzione tecnica dei ragazzi. Nessuno avrebbe scommesso su di noi, ma nonostante le tante difficoltà ci siamo. E saremo l’unica società che ha la prima squadra in serie B ad essere tra le grandi d’Italia», rivendica fiero il brillante coach napoletano. «Il merito enorme è dei ragazzi, che non si sono mai risparmiati in allenamento».

Percorso clorato. «Non siamo arrivati nelle migliori condizioni fisiche a queste finali ma ci siamo fatti trovare pronti subito alla prima con la Lazio (10-7). C’era tanta emozione e paura nel gruppo. Abbiamo affrontato il Crocera (5-10), squadra molto fisica che ci ha messo in difficoltà nei primi due tempi ma poi con pazienza siamo venuti fuori». Due vittorie incoraggianti, che hanno consentito il superamento del turno. «Eravamo stremati nella terza partita con il Recco (10-2). Stanchi davvero, abbiamo retto due tempi: dopo è uscita la qualità dei recchelini», ricorda Di Pasqua, che assicura. «Cercheremo di dire la nostra in ogni caso».

Questa la formazione del San Mauro, che si è imposta nelle semifinali: Fausto Vettor, Nunzio Nocerino, Giovanni D’Agostino, Gianluca Carlevalis, Vincenzo Sarnataro, Daniele Esposito, Giuseppe Mele, Kevin Armando Guadagni, Vincenzo Sannino, Simone Vagliano, Davide D’Avanzo, Carlo Russo, Giuliano Tozzi.  

«Siamo felicissimi del traguardo raggiunto. E’ il coronamento di un percorso lungo e travagliato», afferma il presidente Christian Andrè. «Per il San Mauro è la 24esima fase nazionale e, insieme alla Final Four under 16 (2021), è sicuramente il traguardo più importante, perché non avevamo mai raggiunto la finale a 8, ma soltanto sfiorata in precedenza».

Piacevole novità. «Soddisfazione doppia considerato il lotto delle società partecipanti di A1 e A2. Siamo gli unici di B e abbiamo solo quattro ragazzi al limite di età (2004): gli altri sono tutti 2005-2006», avverte Andrè, che svela. «Sono contento di aver resistito ad alcune turbolenze sorte durante l’anno e interferenze registrate, che avrebbero potuto sfaldare il gruppo. Ci ho sempre creduto e siamo contenti dopo due anni di Covid-19. E’ motivo di grande orgoglio», ravvisa l’ex capitano della Canottieri Napoli.

Immediato futuro. «Ci prepareremo nel migliore dei modi. Il livello è altissimo, proveremo a fare la nostra parte, consapevoli che abbiamo raggiunto un traguardo storico, ennesima dimostrazione della bontà e qualità del nostro progetto e del nostro lavoro, che portiamo avanti tra mille difficoltà, non avendo spalle coperte da sponsorizzazioni ma solo il frutto del sacrificio dei genitori, della società, e degli allenatori», ribadisce Andrè.

«E’ il risultato di un lavoro che va avanti da anni con i nostri tecnici. Sarebbe bello un giorno tentare il salto di categoria con la prima squadra, significherebbe premiare in maniera più esaltante il lavoro del settore giovanile», auspica fiducioso Andrè. Nella vita, come nello sport, mai dire mai.

 

Ultimo aggiornamento: 19:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA