Tokyo, i numeri (e i record) dell'Italia:
40 medaglie in 19 discipline

Domenica 8 Agosto 2021 di Marco Prestisimone
I numeri (e i record) dell'Italia alle Olimpiadi: 40 medaglie in 19 discipline, l'exploit dell'atletica e la maxi-delegazione

Quaranta medaglie in diciannove diverse discipline. Il tutto in sedici giorni intensissimi di gare e grazie a 384 atleti, di cui 187 donne. Una spedizione mai vista, che però è andata oltre le più rosee aspettative: 10 ori, 10 argenti e 20 bronzi, una simmetria degna del miglior Da Vinci. Che poi "vinci" è quello che hanno fatto gli atleti azzurri in queste Olimpiadi di Tokyo dall'ormai lontano 24 luglio fino a oggi, 8 agosto, giornata della cerimonia di chiusura. Le prime gioie avevano forte l'impronta della forza e della tenacia del taekwondo di Vito Dell'Aquila e della sciabola di Luigi Samele, le ultime hanno l'eleganza delle Farfalle della ginnastica ritmica. In mezzo le imprese del nuoto ma soprattutto dell'atletica. E pazienza se gli sport di squadra (pallavolo e pallanuoto, perché il basket è andato oltre le aspettative) hanno deluso. Stavolta motivi per sorridere ce ne sono eccome. 

Ginnastica ritmica, Farfalle di bronzo: terzo posto in una finale da brividi

Le Olimpiadi da record dell'Italia

Le medaglie non erano mai state così tante: 36 era il record da battere (e risaliva addirittura a Roma 1960 e Los Angeles 1932), ma il conto sul medagliere è arrivato fino a 40. A Pechino, Londra e Rio de Janeiro erano arrivati otto ori, stavolta ne sono arrivati due in più. Ed è stato centrato almeno un podio in ognuno dei 16 giorni di Giochi. Anche questo, neanche a dirlo, non era mai successo. 

Gli sport più "preziosi"? Come numero di medaglie è stato il nuoto (sei in piscina, sette con Paltrinieri nella 10 km di fondo), ma l'exploit è stato assolutamente nell'atletica: cinque ori (metà del totale) e soprattutto quel quarto d'ora del 1 agosto tra l'oro di Gimbo Tamberi nel salto in alto e quello di Marcell Jacobs nel 100 metri che è stata la bacchetta magica di un'atmosfera di cui tutti hanno approfittato nei giorni successivi. Fino alla staffetta 4x100 di venerdì. Tantissimi anche i bronzi (20), con un briciolo di amarezza per i quarti posti centrati soprattutto nei primi giorni di Olimpiadi specialmente tra scherma e canottaggio. 

Un "grazie" particolare va a Puglia e Lombardia, che hanno "conquistato" 19 medaglie, quasi una ogni due: Jacobs, Tortu, Desalu al nord ma anche la doppietta nella 20 km di marcia Stano-Palmisano tutta pugliese. Mettendo insieme le due regioni, con 7 ori su 10 sarebbero nei primi 25 paesi del medagliere olimpico. L'età media delle medaglie d'oro azzurre è di 26,33 anni, quella dei medagliati totali è di 26,84. Sedici le regioni italiane andate a medaglie: a Rio erano state 15. Quella di Tokyo è stata un'Italia multietnica: sono arrivati atleti da tutte le regioni e le province autonome d'Italia e anche da ragazzi nati in tutti e cinque i continenti.

Nell'atletica meglio dell'Italia solo gli Stati Uniti

Nel medagliere di specialità l'Italia è seconda dietro gli Stati Uniti con 5 ori conquistati nei 100 metri, nella staffetta 4x100, nel salto in alto e nella marcia 20 km donne e uomini. Gli Usa guidano con lo stesso numero di ori ma con un numero di medaglie complessivo pari a 23 (5 ori, 12 argento e 6 bronzi). Dietro all'Italia la Giamaica e la Polonia entrambe con 8 medaglie ma solo 4 d'oro (più 1 argento e tre bronzi). L'atletica italiana ha mandato a Tokyo la sua delegazione più numerosa nella storia olimpica azzurra e ha raccolto frutti superiori ad ogni aspettativa. Dall'Italia sono partiti per il Giappone 76 atleti, più del doppio rispetto a quanti andarono a Rio cinque anni fa (erano 36), quando i Giochi finirono senza neanche un azzurro sul podio, e circa un quinto del totale della delegazione.

Jacobs, Washington Post evoca il doping: «Lui merita beneficio del dubbio, ma atletica piena di truffatori»

Nessuno avrebbe scommesso su un bottino così ricco, ma la relativamente giovane delegazione (età media 27 anni) ha sorpreso, mixando campioni esperti a promesse in piena evoluzione e traendo nerbo e risultati anche dal multietnicismo: dei 46 nati all'estero dell'Italia Team ben 20 scendono in pista o su strada per marcia e maratona, e la nazionale del dt La Torre vanta altri 19 azzurri di seconda o terza generazione. I nomi su cui si puntava per possibili podi erano comunque quelli giusti: Tamberi, Palmisano, forse Jacobs o Tortu, forse Stano. È rimasta casa Larissa Iapichino, infortunata, ma avrà tempo di rifarsi.

 

 

Marco Prestisimone

 

 

Ultimo aggiornamento: 28 Settembre, 10:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA