Ancelotti avverte il Salisburgo:
«Niente calcoli, qui per vincere»

Mercoledì 13 Marzo 2019 di ​ Roberto Ventre
Inviato a Salisburgo

«Dobbiamo avere il nostro atteggiamento di sempre e provare ad imporre il nostro gioco perché siamo più bravi in questo che nel controllo della partita. Quello che cambierà è l'atteggiamento del Salisburgo che sicuramente rispetto all'andata sarà molto più aggressivo», ha detto Ancelotti nella conferenza stampa di vigilia del match di ritorno degli ottavi di finale contro il Salisburgo.
 

Difesa nuova con Chriches e Luperto. «Non ho nessun timore, quando gli interpreti sono funzionali alla squadra non ci somo mai problemi. E poi Chiriches si è dimostrato di essere affidabile e Luperto nelle volte in cui ha giocato ha sempre fatto bene».

Capitolo Insigne. «Il suo sfogo è comprensibile: è napoletano, capitano, è cresciuto in questa squadra e ora avverte di più la responsabilità». La brutta partita contro il Sassuolo. «Capita quando una partita di campionato cade tra due di Europa League. E' stato soprattutto un problema mentale e poi ho schierato diversi giocatori che avevano giocato meno ed è normale che no fossero al massimo».
 


Contento della cofera di Giuntoli. «Dà continuità sl progetto». La formazione. In attacco gioca Milik che ha riposato domenica, per l'altro posto ci sto pensando».  Ultimo aggiornamento: 14 Marzo, 07:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA