Coppa d'Africa, il sogno continua:
Anguissa e Koulibaly ai quarti

Sabato 29 Gennaio 2022 di Roberto Ventre
Coppa d'Africa, il sogno continua: Anguissa e Koulibaly ai quarti

Anguissa e Koulibaly e il sogno di vincere la coppa d'Africa: prosegue l'avventura dei due azzurri che saranno impegnati nei quarti di finale. Il centrocampista gioca oggi con il Camerun (ore 17) contro il Gambia, il difensore domani con il Senegal contro la Guinea Equatoriale (ore 21). Appuntamenti molto attesi dai due azzurri che sono due pilastri delle rispettive nazionali.

La nazionale camerunense di Anguissa e quella senegalese di Koulibaly sono le grandi favorite per il titolo e potrebbero incontrarsi domenica in finale se il loro cammino proseguirà senza intoppi. Le altre nazionali più accreditate la Tunisia che affronta oggi Burkina Faso, l'Egitto di Salah e il Marocco dell'interista Hakimi che s'incroceranno nell'altro quarto di finale in programma domani, l'ultimo in calendario. Occhio ovviamente alle sorprese e in questo senso soprattutto la Guinea Equatoriale, avversaria del Senegal, finora ha fatto vedere cose interessanti nel girone eliminatorio battendo l'Algeria (1-0), la squadra campione in carica eliminata, e mettendo in difficoltà la Costa D'Avorio (sconfitta 1-0) e battendo poi ai rigori agli ottavi di finale il Mali, altra nazionale accreditata dai pronostici. 

Zambo Anguissa è un trascinatore el Camerun, un punto fermo a centrocampo che finora è stato schierato in tutte le partite dal ct dei Leoni, il portoghese Toni Conceição. Quattro partite su quattro da titolare: le tre del girone eliminatorio contro Burkina Faso (2-1), Etiopia (4-1) e Capo Verde (1-1) e quella degli ottavi di finale contro Comore 2-1. Quantità e qualità, il centrocampista del Napoli, uno dei più esperti del Camerun che oltre a garantire una grande protezione in fase difensiva ha illuminato la manovra offensiva esaltando le qualità dei due attaccanti Choupo Moting del Bayern Monaco e Aboubakar. E Anguissa sarà tra i più attesi della sfida dei quarti di finale in programma oggi pomeriggio contro il Gambia di Musa Barrow, l'attaccante del Bologna, che vale la qualificazione alle semifinali (l'eventuale avversaria uscirebbe dalla sfida tra Egitto e Marocco). Camerun che nelle prime quattro partite è stata molto incisivo in attacco riuscendo a segnare ben nove gol.

Kalidou Koulibaly è il capitano del Senegal, uno dei più esperti, un leader in nazionale, insieme a Manè, l'attaccante del Liverpool. Dopo essere guarito dal Covid il difensore del Napoli fece il suo esordio nella terza sfida del girone eliminatorio contro Malawi (0-0) dopo che la nazionale senegalese aveva pareggiato 0-0 contro la Guinea e vinto la sfida d'esordio (1-0) contro lo Zimbawe. Kalidou è stato poi uno dei protagonisti della vittoria negli ottavi di finale (2-0) contro Capo Verde. «Non dobbiamo sottovalutare nessuno, abbiamo un sogno e faremo di tutto per realizzarlo», disse alla vigilia della sfida che si giocò martedì scorso. La forza del Senegal sta innanzitutto nella solidità difensiva: zero gol subiti nelle prime quattro partite, record che Koulibaly e compagni proveranno ad allungare contro la Guinea Equatoriale per gettare le basi della qualificazione alla semifinale (l'eventuale avversaria uscirebbe dalla sfida tra Burkina Faso e Tunisia). 

Coppa d'Africa che prosegue con l'incubo Covid con le varie nazionali colpite e costrette a giocare in formazione rimaneggiata, una problematica che ha caratterizzato la manifestazione fin dalle prime partite. Clamoroso il caso delle nazionale delle Comore che aveva ben 12 positivi nel match degli ottavi di finale contro il Camerun (indisponibili tutti i portieri tra i pali è andato un terzino).

La disponibilità di Anguissa e Koulibaly è prevista per la partitissima contro l'Inter del 12 febbraio. Il centrocampista camerunense e il difensore senegalese torneranno a disposizione di Spalletti per le sfide più importanti di febbraio: dopo il match contro i nerazzurri al Maradona il Napoli sarà infatti impegnato nella trasferta al Nou Camp contro il Barcellona. Il loro ritorno in gruppo consentirà al tecnico azzurro di poter disporre di due pedine in più fondamentali in un momento chiave della stagione sia in campionato che in Europa League. Ma intanto Anguissa e Koulibaly sono concentrati sulla coppa d'Africa e saranno in campo per centrare l'obiettivo delle semifinali e far volare in alto Camerun e Senegal. 

Ultimo aggiornamento: 30 Gennaio, 08:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA