Gattuso, Maradona e San Gennaro:
«È morto ma non morirà mai»

Giovedì 26 Novembre 2020

«Ho tanti bei ricordi con Maradona, ci ho parlato tantissime volte, siamo andati a cena insieme. È morto ma non morirà mai, ha vissuto una vita straordinaria». Gennaro Gattuso saluta Diego Armando Maradona nella serata del suo ricordo. «I suoi errori ci sono ma resterà sempre con noi. Già ieri sera, quando siamo rientrati in hotel, si respirava un’aria diversa in città. È stata una perdita grande per tutti. Spero sia andato a far compagnia a mia sorella».

LEGGI ANCHE  Napoli, vittoria e fuga in vetta: con l'AZ Alkmaar la gara decisiva

«Abbiamo il dovere di lavorare ora, in città se ne parlerà ancora per tanto ma noi dobbiamo guardare avanti. Ci sono tanti impegni, lo rispetteremo e speriamo di poter vincere qualcosa da dedicargli. Diego qui non è stato solo il campione che ha vinto in campo: è l'orgoglio di questa città aver visto il calciatore più forte al mondo. Non so se sia più importante lui o San Gennaro», ha continato a Sky Sport.

LEGGI ANCHE Giuntoli e un Napoli incredulo: «Con Maradona via una parte di noi»

«Tutte le gare sono complicate se non hai le letture giuste» ha detto Gattuso sulla gara. «Stasera siamo andati meglio della gara d’andata, ma abbiamo sbagliato tanto. Loro ci aspettavano e abbiamo perso tanti possessi. Sono state dette tante cose non vere: non ho litigato con il gruppo, ho detto loro quello che pensavo. In undici gare abbiamo fatto otto vittorie e tre sconfitte, non siamo il Barcellona o il Real, potremo perderne altre ma dobbiamo farlo sempre dando il massimo in campo. Napoli mi prende tanto, mi sembra di stare a Rio de Janeiro: vivevo al Nord da tanto, ma sono terrone dentro».

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA