Antico Egitto, prolungata a grande richiesta fino a gennaio 2019 la mostra dei Tesori di Tutankhamon a Viterbo

Quasi 30 mila visitatori in tre mesi, con centinaia di studenti ad ammirarla ogni giorno. Oltre a tantissime richieste di appassionati e turisti da ogni parte d'Italia. Sono i numeri che hanno "costretto" la SIB (Società italiana di beneficienza) del Cavaliere Eugenio Benedetti, con la Fondazione Caffeina Cultura, a chiedere e ottenere -  almeno fino al 6 gennaio 2019 - il prolungamento della mostra "I tesori di Tutankhamon", dal settembre scorso esposta a Viterbo. L’iniziale data di chiusura al 28 ottobre è stata infatti superata dagli eventi.

Gli organizzatori sono riusciti nell’impresa "faraonica" di poter continuare l’esposizione, attraverso un accordo con il Governo egiziano e il Comune di Viterbo. Grazie alla collaborazione del sindaco Giovanni Arena è stato possibile trattenere per altri due mesi i tesori del Faraone in città. Il Comune ha concesso la disponibilità dei locali della chiesa dei Santissimi Giuseppe e Teresa, già sede del Palazzo di giustizia del capoluogo, in piazza Fontana Grande.

E’ qui che dal prossimo novembre saranno trasferiti gli oltre 250 reperti, scala 1:1, repliche perfette – autorizzate dallo Stato nordafricano - del tesoro e del corredo funerario del Faraone bambino, attualmente esposti al Palazzo dei Papi di Viterbo. Il prolungamento dell’esposizione era auspicato ma non scontato, viste le numerose richieste pervenute al ministero egiziano delle Antichità da tutto il mondo (Canada e Svizzera su tutti) per aggiudicarsi, dopo la data Italiana, la mostra di Tutankhamon.

Il prolungamento della mostra di Viterbo, per tutto il periodo delle festività di Natale, dà a molti altri italiani la possibilità di immergersi nel mondo dell'antico Egitto, dalle piramidi fino a Tutankhamon. "Siamo felicissimi di poter annunciare la proroga - dicono Sib e Caffeina – perché di fronte alle numerosissime richieste era per noi un obbligo non deludere quanti ci chiedono di poter venire a Viterbo, per poter ammirare i reperti. Non è stato facile, per questo ringraziamo i partner, come Carramusa Group e  Archeoares, oltre alla Curia di Viterbo che ospiterà l’evento fino al 28 ottobre prossimo. Ma ancor di più il nostro plauso va al Governo egiziano e al sindaco di Viterbo, concordi nel credere e lavorare sulla proroga. A conferma del rapporto di amicizia e fratellanza che lega da secoli l'Italia e l'Egitto, eredi di due delle più grandi civiltà dell'antichità".
Domenica 21 Ottobre 2018, 10:15 - Ultimo aggiornamento: 21-10-2018 10:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP