Brucia ancora la Sicilia: 20 roghi in poche ore. Turisti ospitati negli alberghi

ARTICOLI CORRELATI
Hanno trascorso la notte in alcuni alberghi di San Vito Lo Capo (Trapani) che sono stati messi a disposizione del Comune gli oltre 250 turisti sfollati dal Villaggio turistico Calampiso, evacuato ieri pomeriggio perché lambito delle fiamme. Dei quasi 800 turisti presenti, gran parte ha preferito ripartire e lasciare il villaggio, come conferma il sindaco di San Vito, Matteo Rizzo, che ha coordinato le operazioni di evacuazione. «I turisti siciliani hanno preferito tornare a casa - spiega il sindaco - alla fine sono rimaste circa 250 persone. Grazie alla disponibilità di strutture messe a disposizione, non si è reso necessario dormire nella scuola che ieri era stata organizzata come punto di ristoro. Grazie a Dio la situazione è stata gestita e si sono evitati momenti di panico».

Ieri pomeriggio era stato lo stesso sindaco a lanciare un accorato appello via Facebook. Ha chiesto la disponibilità dei pescatori della zona e delle barche da turismo per potere trasferire i turisti a San Vito dal villaggio che rischiava di finire tra le fiamme. «La nostra marineria è stata molto efficiente - spiega il sindaco - le barche sono uscite tutte in tempi rapidissimi. Così siamo riusciti a traghettare tutti, poi con i bus abbiamo portato le persone a scuola per dare accoglienza». Qui i turisti, tra cui molte donne e moltissimi bambini, sono stati rifocillati. Nella notte l'incendio nella zona è stato domato, come spiega lo stesso sindaco. «Ora c'è da capire quali siano gli eventuali danni e verificare la questione sicurezza», dice Rizzo. «Ci dispiace per le vacenze rovinate dei turisti - aggiunge - e per i danni al territorio. Ma alla fine siamo riusciti a gestire tutto nella massima sicurezza».

Dopo l'emergenza di ieri, sono una ventina i roghi su cui stanno operando oggi le squadre antincendio in Sicilia. Alcuni interventi - a San Vito Lo Capo e Lipari - stanno ultimando il lavoro di ieri. Altri incendi sono appena divampati a Monreale, in provincia di Palermo dove è in azione un canadair e ad Adrano (Ct) dove stanno intervenendo due elicotteri. Un altro rogo è scoppiato a Librizzi (Me) e diversi focolai sono stati segnalati nel siracusano. La situazione è gestita dalla sala operativa della Protezione civile regionale. Per fare il punto della situazione e la verifica dei danni di ieri sono in corso due riunioni in prefettura, una a Messina e una Siracusa. 
 



 
Giovedì 13 Luglio 2017, 12:02 - Ultimo aggiornamento: 14-07-2017 09:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-07-13 17:15:23
ci vogliono leggi speciali durissime per questi delinquenti terroristi che commettono reati contro il patrimonio ambientale e storico anche in casi particolari l'ergastolo oppure pene alternative a lavori forzati estremi....senza pieta' e buonismi vari!!...questa gentaglia deve essere fermata ad ogni costo..muovetevi subito!! inoltre il BUSINESS del fuoco fatto di interessi speculativi va stroncato per sempre...

QUICKMAP