Terra dei fuochi, ora è scontro sui dati
Lorenzin: serve screening di massa

Sabato 5 Luglio 2014 di Gerardo Ausiello

Segui Il Mattino su Facebook, clicca qui



Prima l'allarme sull'eccesso di mortalità nella Terra dei fuochi, poi il clamoroso dietrofront. Fa tutto l'Istituto superiore di sanità. A poche ore dalla diffusione del dossier choc (le vittime sono «aumentate del 10 per cento tra gli uomini e del 13 per cento tra le donne»), gli esperti correggono il tiro. Lo fanno spiegando in bella evidenza, sul sito istituzionale dell'Iss, che «Sentieri è uno studio di tipo “ecologico”, ovvero non prende in considerazione le esposizioni dei singoli individui a particolari inquinanti, ma piuttosto esamina la situazione sanitaria delle popolazioni che risiedono in luoghi in cui sono presenti sorgenti di inquinamento».

Per questo motivo, s'affrettano a chiarire i tecnici, l'indagine non permette «la valutazione di nessi causali». Non solo. I risultati dello studio «non consentono di attribuire all'esposizione individuale a specifici inquinanti eccessi di mortalità o ospedalizzazione o incidenza tumorale». Cosa significa tutto ciò? Che non si può essere certi che la mortalità dipenda esclusivamente dalla presenza o meno di roghi e rifiuti tossici nelle province di Napoli e Caserta. Una spiegazione, questa, che conferma le perplessità sollevate dal Mattino soprattutto sulle modalità di diffusione dei dati, senza una spiegazione approfondita, che invece è indispensabile, specie quando si tratta di questioni così delicate.

Naturalmente i numeri sono numeri, ma occorre cautela. Almeno questo è quanto sostiene il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, secondo cui «le precisazioni dell'Iss non permettono di fare alcun facile allarmismo. Solo a conclusione degli screening, previsti da una norma che personalmente ho promosso, si potrà avere un quadro sanitario su cui effettuare le conseguenti valutazioni e adottare tutti i provvedimenti e le iniziative che si renderanno necessarie per garantire il primario diritto alla salute dei cittadini».

Leggi Il Mattino per tre mesi a soli 9.99€ - Clicca qui per la PROMO

Ultimo aggiornamento: 13:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA