Il professor Di Giammarco al giudice: «Ho agito nella massima correttezza»

Lunedì 22 Giugno 2020
Il professor Di Giammarco dal giudice: «Ho agito nella massima correttezza»

Ha chiarito gli aspetti tecnici e clinici della vicenda che ha portato a un provvedimento di interdizione dalla sua attività di docente universitario e primario, il professor Gabriele Di Giammarco, direttore della clinica di Cardiochirurgia del policlinico di Chieti che  questa mattina, assistito dagli avvocati Leo Brocchi e Augusto La Morgia, è stato interrogato dal gip del Tribunale di Chieti Luca De Ninis.

LEGGI ANCHE Docente sospeso, il legale: «Il professore Di Giammarco resisterà anche a questo»

Il docente, sospeso per un anno, è accusato di falso ideologico e truffa all'ente pubblico perché secondo l'accusa non avrebbe tenuto circa mille ore di  attività di tutoraggio a 41 studenti. Con un danno di circa 65 mila euro. Di Giammarco, secondo quanto ha riferito l'avvocato Brocchi, ha chiarito la sua posizione spiegando come funziona il tutoraggio, le modalità dell'attività, ribadendo la sua correttezza. Del tutoraggio, secondo quanto è emerso, erano beneficiari studenti del terzo anno, e non si tratta di un tirocinio professionale. «Come difesa ci riteniamo soddisfatti», ha commentato Brocchi.

Ultimo aggiornamento: 14:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA